Mese: Febbraio 2006

10 pensieri non funzionali

Qui nel poco tempo libero si sta leggendo un libercolo di tal Cesare Pietrojusti dal titolo Pensieri non funzionali. L’opera (consultabile anche qui) è un elenco di possibili attività atte a sviluppare la consapevolezza del pensiero non funzionale, ossia un pensiero che apparentemente non serve a nulla e quindi viene rimosso (in realtà ho dei dubbi sul fatto che non serva proprio a nulla). Per dare un’idea, annoto alcune voci dell’elenco qui sotto, ad uso e consumo di me stesso e degli eventuali interessati. 1. Sottrai da una cartoleria i fogli su cui i clienti provano penne, matite e pennarelli.…

3 recensioni di libri che non esistono

Alessandro Bericco – Oceano Mere I lettori di Baricco (con la A al posto della E) si accorgeranno quasi subito che questo romanzo rappresenta un plagio completo, parola per parola, di un’opera del noto scrittore torinese quasi omonimo (quasi un omaggio al Pierre Menard di Borges). Persino le due copertine sono identiche, se si esclude il quasi impercettibile refuso nel titolo (Mere), così come sono uguali l’impaginazione, il font e la foto dell’autore sul risvolto (Bericco millanta di assomigliare moltissimo a Baricco). L’unica differenza tra i due libri, oltre al titolo, sta nel prezzo: quello di Bericco costa 1 euro meno…

La pubblicità su questo sito

Come dicevamo, abbiamo grandi novità su questo blog: d’ora in poi su questo sito si parlerà soltanto di calcio e televisione. Di questi argomenti non sappiamo una beata ceppa ma il mercato va in questa direzione e noi (ma noi chi?) la seguiamo. Ma soprattutto ci sarà un sacco di pubblicità, allo stesso tempo invasiva e subliminale. Questo ultimo elemento è tutto sommato rassicurante giacchè di tale pubblicità non te ne accorgerai nemmeno. Comprate i cetriolini sottaceto al supermercato che c’è lo sconto del 12% per i possessori della carta fedeltà. In edicola il dvd della prima imperdibile puntata del Gesù…

Padre Pio

Stanotte mi è apparso di nuovo Padre Pio sul soffitto della camera da letto. Era in pigiama e russava forte, e infatti mi ha svegliato. Ho accesso la luce e aperto le finestre per lasciarlo volar fuori, come si fa con le falene d’estate. Ho dovuto pure dargli un paio di bastonate con il manico della scopa, non se voleva andare. 

La Grande Libreria del Centro

Che bello andare alla Grande Libreria del Centro. C’è di tutto, da passarci giornate intere. Peccato per le persone che la abitano. Mi spaventano. Ad esempio. Fuori, all’ingresso, c’è la bodyguard. La bodyguard è un maschio alto due metri, largo due metri, giacca nera, cravatta nera, occhiali da sole, auricolare. Quando sto per varcare la porta scorrevole, la bodyguard mi si piazza davanti: Bodyguard – Ehi ehi! E lei chi è? Io – Dice a me? B – Dove crede di andare? I – Dentro, direi. B – Ha appuntamento con qualcuno? I – N-no, vorrei solo entrare. B –…