Lo zen e l’arte di levare il saluto al vicino di casa

Alla fine ci sono riuscito: ho tolto il saluto al mio vicino di casa, e lui ora è costretto a ricambiare. E' stata dura, ci sono voluti mesi e mesi di allenamento in lenta progressione. Ma il risulto può dirsi pienamente raggiunto. Adesso quando ci incontriamo – in strada, per le scale o davanti la porta – lo ignoro, come se fosse incorporeo. Si dirà: perché tanta cattiveria? Che male ti ha fatto costui?

Nulla. Né conosco i suoi sentimenti verso di me. Egli probabilmente penserà: questo non mi saluta e allora neppure io. Ma la mia non è maleducazione, casomai un esercizio spirituale di misantropia ascetica. Quest'uomo non lo conosco affatto, ho sempre evitato la sua conversazione. Mi mancano gli elementi per giudicarlo in maniera negativa o positiva. Provo per lui una antipatia di pelle. Si tratta di un'intuizione, a occhio, mi sembra un cretino. Non è abbastanza per trascurare del tutto il suo atto arrogante di perseverare ad esistere? E per di più di vivermi vicino, nonché di starmi sempre fra i piedi?

L'esercizio si è svolto in evoluzione, per gradi. Nei primi incontri ho preso a rivolgermi a lui con un “buongiorno” sempre più sgarbato. Nei mesi successivi, togliendo una lettera alla volta, sono perciò passato dal 'uongiorno, via via accentuando la malavoglia, fino a 'ngiorno. Poi piano piano a 'giorno, senza enne, per giungere a un gelido quando sfacciato 'rno, mormorato a bocca quasi chiusa. Alla fine lo salutavo con un semplice grugnito.

La prima fase poteva dirsi superata. Ma non bastava ancora, mi son detto. Ho quindi iniziato a sostituire il saluto verbale con formule mute. Un mezzo sorriso, un cenno del capo. Quale riscontro sociale mi pareva più che sufficiente. Ma dopo? Come potevo ridurre ulteriormente l'interazione?

Per arrivare a questi livelli occorre pratica e un'attitudine a recitare. Ho cominciato a fingere di non vederlo. Se incappavo in lui, simulavo di dover voltarmi dall'altra parte a scrutare qualcosa, o di esser distratto. O di badare ad altre persone evidentemente più importanti di lui, poste in un'altra direzione. L'arte di ignorare gli umani va coltivata con cura. Lui prima cercava il mio sguardo, quasi stupito che gli sfuggissi a quel modo. Infine, giorno dopo giorno si è rassegnato.

Stamane, il capolavoro: uscendo di casa sono ritrovato l'oggetto del mio esperimento di fronte, e come al solito lo fissavo senza aprire bocca, come se al suo posto vi fosse il vuoto. L'ho però urtato, ma senza chiedergli scusa, per poi mollarlo lì, incredulo. Dopo avergli girato le spalle, mentre me ne andavo, lo sentivo protestare. Eppure dovrebbe mostrarmi gratitudine. In un certo senso, gli ho offerto un potere straordinario: il dono dell'invisibilità.

Questa voce è stata pubblicata in informazioni errate. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

30 Responses to Lo zen e l’arte di levare il saluto al vicino di casa

  1. ioeilmiopc dicono:

    guarda, voglio essere proprio lapri`ma per farti i miei komplimenti e per ringraziarti ditu`tto kuore per il simpaticissimo intrattenimento ke mi hai koncesso kon questo post.
    tvb e tisti`mo (anke seso`no invisibile pure io…)

  2. exxxanonimo dicono:

    Voglio provare a farlo con il mio capo.

  3. utente anonimo dicono:

    Fai scifo, maleducato.

  4. utente anonimo dicono:

    #3: Scifo?

  5. utente anonimo dicono:

    'uongiorno a tutti!

    r.

  6. PICCHU dicono:

    Che carattere!

  7. FirmatoCkf dicono:

    zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzen

    comunque ho chiesto il piacere a mamma, da grande voglio fare il misantropo!

  8. Io sono una misantropa filantropica.

  9. exxxanonimo dicono:

    Oddio CKF cos'è quello "zzzzzzzzzzzzzzennnn" ? Non è che stai iniziando a sbiellare di nuovo?

  10. Come dice il poeta: "misantropia, unica via".

  11. FirmatoCkf dicono:

    mi sento osservato, la smetta signor #11! lei ci sta nascondendo qualcosa, soprattutto a me!

  12. utente anonimo dicono:

    per un istante avevo pensato che ti avesse sodomizzato la moglie consenziente e che ne avessi scaricato, inavvertitamente, il video su Yutube !

  13. utente anonimo dicono:

    La prossima volta che lo incontra Le proporrei non solo di salutarlo ma anche di commentare la situazione meteorologica.
    Poi, se possibile, aggiornarci riguardo alle reazione dell'oggetto del suo esperimento.

    irene
    (una sua lettrice da tempo)

  14. exxxanonimo dicono:

    ckf non sono un signore! sono una signora! il nick exxxanonimo non è di genere, è solo una contrapposizione a "utente anonimo" che appare quando non sei iscritto a splider.
    e anche l'avatar è neutro, è V , il personaggio fantasy della Disney che si ribella al tiranno che governa il suo paese…. cercavo un look alla moda e appropriato ai tempi, nonchè anonimo, e l'ho trovato in V.

    (Confuso richiedo scusa per l'occupazione del blog, ma volevo tranquillizzare ckf)

  15. Grazie Irene, ne terrò conto per il prossimo rendez vous nel locale immondizia.

  16. FirmatoCkf dicono:

    #16 lo sapevo che dovevo aver paura… una donna che si mette una maschera con i baffi!

  17. utente anonimo dicono:

    1) e se il vicino le viene a bussare con una torta in mano per fare pace?
    2) e se lei, puta caso, avesse bisogno dello zucchero?
    3) e se per sommo dramma, le necessitassero delle punture di antibiotici e la moglie del vicino è l'unica nel raggio di 35 condomini a saperle fare?
    4) e se mentre lei si trova in Uganda a raccogliere conchiglie in spiaggia e la sua casa pigliasse fuoco, a chi avrebbe dovuto lasciare le chiavi per fare entrare i pompieri, se non al vicino?

    Valuti e ci ripensi.

    Lofoten

  18. 1) sicuramente la torta fa schifo, lo si lascia bussare finché non va via;
    2) ci si rivolge alla coppia di pensionati al pianterreno;
    3) ah ma le interazioni con la moglie sono consentite, è solo lui quello da ignorare;
    4) basta lasciare un mazzo di chiavi direttamente ai pompieri.

  19. FirmatoCkf dicono:

    e se per far pace le regala un assegno in bianco?
    Lei non mi sembra il tipo da rifuggire la pecunia, caro signor Confusa, pecunia non olet, ricordi!

  20. utente anonimo dicono:

     ma le pecunie son le piante del vicino?

  21. No, il vicino c'ha le piantine che si possono fumare…non le vuole dare a Herr Konfüso.

    Capite, ora, tutto questo risentimento-confuso? ;-)

  22. utente anonimo dicono:

    caspita Bordellian mi hai illuminato veramente. Che post pieno di accidia.

  23. utente anonimo dicono:

    caspicaterina, togliere il saluto per una pianta .
    Mappoi, perchè Confuso teneva così tanto alla pianta del vicino?
    I miei gerani non li vuole nessuno.

  24. No, non li vogliamo!
    Prima ci provi che 'sti gerani sono fumabili….
    Poi…chissà….

  25. ohè parlate piano che qui sta arrivando la narcotici.

  26. utente anonimo dicono:

    Quanto sei stonzo.

  27. fabio dicono:

    Credo che un generico sorriso valga piu’ di un non saluto

Rispondi a exxxanonimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *