La penale da pagare

– Buongiorno, o aguzzini.

– Oh, carissimo cliente, qual buon vento.

– Passo subito al dunque. Di certo ricordate il patto che anni fa ho firmato con voi.

– E come no, amico mio, ce ne ricordiamo bene.

– In base a tale accordo io promisi che non mi sarei lamentato dello stesso sino alla sua scadenza e non un giorno anzi non un minuto prima, dopodiché il contratto fra noi si sarebbe ritenuto concluso e ognuno sarebbe andato per la sua strada.

– Esatto, amico mio.

– Ecco, ci ho pensato: non mi va più bene. Addio.

– Ohibò, prima della scadenza pattuita?

– Sì.

– E il nostro accordo?

– Semplice: me ne fotto.

– Non le conviene.

– Altroché se mi conviene.

– Ah ah, capiamo: si tratta di uno scherzo.

– Sono serissimo.

– Suvvia, lei ha appunto stipulato un contratto valido sino a una data precisa et ancora assai lontana, mica quando le pare.

– Vero. Ma oggi ho cambiato idea, mi spiace. Col vostro contratto mi ci soffio il naso. Arrivederci.

– E no. Arrivederci un corno.

– Come?

– Se lei recede dal contratto prima della scadenza, c’è la penale.

– Ah. E in cosa consisterebbe, codesta penale?

– Guardi, è scritto qua.

– Dove?

– Qua, in fondo, in corpo 1, caratteri grigio chiaro su fondo bianco. Aspetti che prendo il microscopio e leggo io. L’articolo recita le seguenti testuali parole: “Se quel fesso del contraente un giorno cambiasse idea…”

– C’è scritto proprio così, quel fesso? Sarei io?

– Sì, il contraente, cioè il fesso, è lei. Vado avanti: “…e richiedesse anzitempo lo scioglimento del contratto…”

– Infatti, lo richiedo.

– Mi lasci finire: “…e richiedesse anzitempo lo scioglimento del contratto a noialtri mascalzoni e farabutti…”

– Continui.

– “… in tal caso siamo autorizzati a dileggiarlo e ridergli in faccia…”

– Cosa che infatti è già accaduta, eppure non mi preoccupa.

– “…tuttavia nella remota ipotesi che il contraente insista nel suo intento di stracciare il contratto istesso, al contraente verrà comminata una penale pari al quadruplo del danaro che possiede…”

– Urca.

– “… a ciò si aggiungerà il pignoramento dei mobili dalla di lui abitazione…”

– Ma non è possibile, dai.

– “… più la confisca dell’abitazione medesima nonché…”

– Pure.

– “… nonché l’esproprio forzato e violento di tutti i suoi averi, mobili o immobili che siano, oltre al…”

– Non ha ancora finito?

– “… oltre al sequestro dei suoi familiari e…”

– E?

– “…. alla riduzione in schiavitù del contraente medesimo a guisa di sanzione pel mancato rispetto del presente contratto…”’

– Non ci credo.

– È scritto qui, vede? Vado avanti “…e se serve alla somministrazione di alcune nerbate sul viso quandanche il contraente ancora protesti per l’eccessiva severità di questa clausola.”

– Accipicchia.

– Vede? Non le conviene.

Questa voce è stata pubblicata in conversazioni. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

17 Responses to La penale da pagare

  1. PICCHU dicono:

    Ci mancava solo il taglio dell'orecchio. Ma quello solo dalle mie parti credo

  2. zauberei dicono:

    Sei passato a infostrada?

  3. utente anonimo dicono:

    Caro confuso, lo so cosa vuole con questo post: delle testimonianze di vita vissuta!

    Ecco la mia:

    Buongiorno,
    al rinnovo il suo pordotto
    (sic.) diverrà una F5 7M/384k POWER (<— mica cazzi, eh!), se decide di passare alla classe MINI (quella per pezzenti…) dovrà attendere il periodo di rinnovo. Nel Suo caso sarà possibile seguire la procedura di downgrade dopo il 07/10/2008. Dopo il primo avviso di rinnovo che ricevera’ da parte nostra, potra' fare la richiesta dalla sua area riservata, f5 – freccia rossa (Aiuto… devo andare in stazione? :O) – gestione – rinnovi – edit. Il downgrade ha un costo (leggasi: penale) di 50 euro + iva, usufruirera' della promozione di 13 mesi.

    Cordiali saluti,

    Lucia

    ——————-

    Grazie del chiarimento.
    Non capisco però una cosa.

    Se io entro il 7 ottobre dovessi dare disdetta e chiudere il contratto per poi richiederne uno nuovo di diverso taglio la cosa dovrebbe risultare molto più complicata ma non andrei a pagare nessuna penale o costo di attivazione.

    Ricapitolando, se io chiedo il downgrade, che dovrebbe essere la strada più semplice ('tacci vostri!), vado a pagare 60 euro in più rispetto alla strada più complicata ed il mese in più di promozione non mi ammorta comunque la maggiore spesa che dovrei affrontare.

    Come mai questa apparente contraddizione?

    ——————-

    Mi risposero telefonicamente facendomi capire con un giro di parole che nel secondo caso avrei atteso l'attivazione per mesi e mesi e quindi la strada economica non mi conveniva… :P

    r.

  4. exxxanonimo dicono:

    Ma quanto sono stronzi.

  5. utente anonimo dicono:

    Giura che vero è

  6. La nostra solertissima banca ci offre i medesimi servigi…per essere più precisi: istituto non identificato del profondo nord…zelten..canederli..gulash.
    Oddio! troppi riferimenti…aiutooooo…è stato bello leggerLa sino ad oggi.

  7. diamonddog dicono:

    eheh…RID bene che RID ultimo.
    Basterebbe chiudere il conto in banca e poi voglio vedere da dove prelevano la penale…

  8. diamonddog dicono:

    (ovviamente chiudere il conto in banca costa 100 euri più le spese)

  9. utente anonimo dicono:

    NO!! LA PENALE NO !!! NON CEDEREMO MAI !!!

    Novelli correntisti nel 2001…Bancomat  "concesso"  nel  2002 dopo 18mesi!!!

    Signora Banca:  "Ragazzi siete precari! Troppo precari! La nostra CR è serissssssima….noi vi diamo il Bancomat e voi tra due mesi mi siete a casa….suvvia! Dimostrate d'esser giovinotti affidabili..poi si vedrà!?".

    Siamo in trappola: la  "Signora Banca Serissssima"  è l'unica contemplata dal datore di lavoro.

    Noi, "giovinotti poco affidabili", stiamo portando a termine un brillante dottorato in Escapologia….a breve li fottiamo tutti! (scusate!) ;-)

    Famiglia von Borderline-Houdini

  10. Vabbene, però ma almeno un rimborso spese sul downgrade del pordotto , suvvia.

  11. FirmatoCkf dicono:

    …e la legge Bersani?

  12. Mercanteggiare?  Lei si burla della famigliola tutta.  ;-p

  13. utente anonimo dicono:

    La legge Bersani c'è….funziona  "volendo"….ma il  "bruco"  penale  è  divenuto  "farfalla"  spesa.  Legge di sopravvivenza del mercato!?

    Famiglia von Borderline

  14. ivyphoenix dicono:

    qua piove sul bagnato… devo disdire un contratto causa decesso di chi lo aveva stipulato e mi fanno, nonostante tutto pagare la penale (a me ovviamente non al morto). Neanche morendo ti salvi dalla penale dei contratti….  

  15. quindi il contraente è defunto e questo non basta a considerare il contratto risolto? ohibò.

  16. utente anonimo dicono:

    ah quanti bei ricordi.
    E le raccomandate?? 
    …le minacce "formali"??
    L'avvocato de sti cazzi che ti chiama e ti "suggerisce un ovvia soluzione, adeguata per gli anni avvenire"??
    …poi, se non paghi, ti marchiano (vengono a casa tua con un timbro in ghisa e braci) a vita come "cattivo pagatore" tatuato sulla schiena.

    Cordialmente, Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *