INTERVISTA A CINQUE ETTI DI PARMIGIANO REGGIANO

Buonasera amici lettori, e benvenuti alla consueta rubrica dedicata all’incontro con i personaggi più famosi e richiesti del nostro tempo. L’ospite di oggi è davvero straordinario: pensate, in tutta la sua lunga carriera non aveva mai dico mai concesso interviste. Ma per voi farà un’eccezione. Signore e signori, un caloroso applauso per… un pezzo di pamigiano-reggiano.

Buonasera a tutti.

Caro parmigiano-reggiano, grazie di aver accettato il nostro invito. Cominciamo dalla domanda che tutta Italia si pone da sempre ma senza trovarvi ragionevole risposta: lei è parmigiano o reggiano?

In che senso scusi?

Eh eh, caro mio, è troppo facile chiamarsi parmigiano-reggiano. Con quel trattino in mezzo, tanto per non scontentare né gli abitanti della provincia di Parma né di quella di Reggio Emilia, vigliacco che non è altro. Avanti, prenda una posizione!

Sì ma veda, io…

Non tergiversi, per piacere: questa dei due appellativi è una fisima priva di senso. Ne convenga, si tratta di un orribile trucco per ingraziarsi entrambe quelle città. Risponda alla domanda: parmigiano o reggiano? Tutte e due non può essere. Forza, si decida.

Guardi, io risiedo sia in entrambe quelle aree. Abito lì. E comunque, se proprio vuole saperlo, di nascita mi sento più reggiano che parmigiano.

Oh, finalmente. Ha confessato. Allora d’ora in poi la chiameremo soltanto Reggiano.

Si sbaglia di grosso. Sono Parmigiano e anche Reggiano. E’ un marchio, e intendo mantenerlo.

No no e no. Reggiano e basta. E’ pure più corto: i consumatori perderanno meno tempo a pronunciarlo.

La vuole smettere?

Capisco: quello del doppio cognome rappresenta un vezzo snob per darsi delle arie da aristocratico di buona famiglia e svilire i poveri formaggi con un cognome solo, come il pecorino.

Ma non è vero!

E se proprio vogliamo essere pignoli, si direbbe parmense, non parmigiano.

Senta, non potremmo cambiare argomento?

Reggiano reggiano, pappappero, gnè gnè gnegne.

Basta! Adesso io l’ammazzo!

Aiuto, guardie, fermate quest’energumeno, tagliatelo a spicchi, anzi tritatelo fine fine e disperdetelo nel vento.

Oddio no, la grattugia sulla schiena nooooooooo….

Amici lettori, ci spiace molto ma questa intervista si conclude qui. Lo avete visto tutto, in preda all’isteria il nostro ospite ha tentato di aggredirmi, e il nostro servizio sicurezza ha dovuto intervenire per ridurlo in polvere e impedirgli di nuocere, anzi tra poco magari lo usiamo per condirci gli spaghetti. Scusate ancora e arrivederci. Sigla, sigla!

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

22 Responses to

  1. utente anonimo dicono:

    però pure tu.. ti presenti a intervistare il parmigiano-reggiano con in mano una grattugia.. non è molto educato. è come andare allo zoo con una pistola.

  2. utente anonimo dicono:

    Tocca a me, vero?

    Allora tre etti, grazie.

    A grani grossi mi raccomando!

    Guardi che la vedo..non provi a michiarci anche la crosta ehh!

  3. diamonddog dicono:

    Che poi qualcuno ci spiegasse in cosa differisce dal Grana Padano.

  4. quilling dicono:

    Un peccato che l’intervista sia finita così.

    Avrei voluto sapere cosa pensa del cacio sui maccheroni.

  5. Gipris dicono:

    diciamo che l’hai un po’ aggredito quel poveretto….

  6. Quando ci vuole ci vuole.

  7. quilling: si odiano.

    diamonddog: è suo cognato, dice.

    #2: calma, calma, lei ha veramente il 2? mi faccia vedere il bigliettino.

    micronarrativa (#1): in effetti…

  8. utente anonimo dicono:

    a me piacciono i formaggi inglesi, per esempio la philadelphia.

    hotel m

  9. utente anonimo dicono:

    Sembra burbero, in realtà si scioglie: è solo che da quando vanta più tentativi di imitazione della Settimana Enigmistica… vuol fare vedere di che pasta è fatto!

    Cassandra

  10. FirmatoCkf dicono:

    io non l’avrei fatto nemmeno ackckomodare, cke avrà impuzzolentito tutto lo studio

  11. quilling dicono:

    hotel messico ma che piacere vederti!!!

  12. utente anonimo dicono:

    Mi sembra un dio bifronte.

  13. gilgamesh dicono:

    …e comunque, dia retta a me che ho avuto una fidanzata che m’ha istruito in merito, “parmense” si riferisce alla provincia di Parma, mentre “parmigiano” indica propriamente la cittadinanza del comune omonimo.

    Ma a Colei Che Non Può Essere Nominata ha già rinunciato, o ancora sta studiando?

  14. utente anonimo dicono:

    Buongiorno Quilling.

    hotel messico

  15. utente anonimo dicono:

    Finalmente un’altra intervista.

    Mia figlia, che con i suoi 7 anni potrebbe essere la sua più giovane lettrice, la aspettava con ansia :-)

  16. hotel m (#8): il philadelphia è americano, lo sanno tutti.

    FirmatoCkf: ma no, si era lavato, prima.

    Cassandra: si scioglie, ma nella raclette.

    grammografo: è una piramide tronca.

    akiro75: non si dice.

    gilgamesh: lei ne sa una più del demonio.

  17. zauberei dicono:

    Non so se sono più sconvolta da Confuso che si presenta dal Parmigiano Reggiano con la grattugia anzichè cor tappeto rosso e oro incenso e mirra, o da Diamond che chiede con impudenza – quale differenza possa intercorrerre con il Grana Padano.

    Che tempi.

  18. PICCHU dicono:

    E col Pecorino Romano? Parenti di secondo grado?

  19. giarina dicono:

    ma non esiste.

    la diocesi era quella di parma, ondepercui, caro il mio signor pezzo di formaggio, le sue origini sono assolutamente parmensi.

    e sospetto anche la sua appartenenza alla categoria grana da pasto, guardi.

  20. utente anonimo dicono:

    #3: nessuna, tutti e due sono prodotti in una delle aree più inquinate del pianeta. A differenza del Trentin Grana, fatto col latte buono delle mucche cresciute in montagna.

  21. Sophyl dicono:

    Ma come!! Io avevo iniziato a prendere ripetizioni d’inglese e quì mi s’intervista il Reggiano-Parmigiano, così, in italiano??!!! O_o

    PS

    Che secondo me poi il P-R ci gode ad essere grattugiato!

    :P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *