INTERVISTA AL DUEMILAENOVE

Buonasera a tutti, cari lettori e benvenuti al consueto appuntamento con l’intervista notturna: anche oggi come nostro ospite abbiamo il personaggio più famoso del momento, in esclusiva mondiale su tutti i media cartacei, digitali e televisivi del globo: è con noi in carne e ossa il signor Duemilaenove.  Un bell’applauso.

Grazie, grazie. Auguri a tutti! Un po’ di spumante?

Piano con gli auguri, caro Duemilaenovedopocristo: non vorrei sembrare offensivo, e nel caso la prego di scusarmi, ma si mormora che lei sarà un anno mica tanto bello.

Ma chi glielo ha detto, scusi?

Ci vuol poco, signor Duemilanove: crisi economiche spaventose, guerre, sangue e stridori di denti. Come inizio non c’è male. Bravo.

Vabbè ma queste robe qui ci sono sempre state, dai, non vorrete dare la colpa a me.

D’accordo, amico Duemilaenove, passiamo alle cose serie. Il 25 aprile cade di giorno feriale?

Ohimè, no. È un sabato.

Vede, dottor Duemilaenove? Che le dicevo? Lei non è neppure cominciato e già porta jella.

Però il primo maggio sarà un venerdì.

Bella forza. Andiamo avanti: il ponte di Ognissanti. Ci dica.

Guardi, un vero peccato: il 1 novembre capita proprio di domenica.

Ma benissimo! Complimenti!

Aspetti, aspetti, ho in serbo una sorpresona: l’Immacolata.

Sentiamo.

Un martedì. Se siete milanesi con l’8 del santo patrono, o se ci attaccate un giorno di ferie, state a casa per 96 ore consecutive.

Per la verità, non mi sembra granché, o Duemilanove. Su Natale e Santo Stefano che ci racconta?

Un venerdì seguito da un sabato, purtroppo.

Congratulazioni. Ragazzi, per favore me lo buttate fuori a calci nel culo?

Calma, poteva andare peggio, eh eh.

C’è poco da ridere. La smetta di fare il simpatico. Regia, levatemi dai piedi questo cialtrone. E voi, amici lettori, perdonatelo: l’intervista con il sig. Duemilaenove termina qui: data la sua arroganza l’ospite risulta indesiderato. Siamo costretti ad allontanarlo dallo studio. Abbiate pazienza. A prestissimo. Sigla, perdìo, sigla!

27 Comments
  1. PICCHU

    Confuso chiedi al 2009 se c’è ancora in giro il nano pagliaccio per favore?

    Se così fosse sarà èure un anno di merda ma almeno porto il culo da un’altra parte

  2. zauberei

    Picchu:) comincia a fare le valige per il tuo culo – temo il peggio.

    confuso sono pronostici terribili.

    Voglio dire quanno cade San Pietro e Paolo?

    E san Gennaro?

    e san Nicola?

    Suvvia un po’ di relativismo per codesta nostra patria frammentata:) così macari er 2009 se risolleva.

    🙂

    Buon anno confuso:)

    A te e a tutti i confusi lecteurs.

  3. Shamira39

    Picchu, lo temo anch’io:) Confuso, ha fatto bene a buttarlo fuori a calci.

    Propongo di tenerci il 2008 o passare direttamente al 2010…

    Comunque vada…Buon Anno:)

  4. professionist

    Sembra che nel 3009 le personalità saranno molto più confuse di oggi: avresti molta concorrenza!

  5. lofoten

    Viva Palemmo e Santa Rosalia.

    A propò quando cade la santuzza nel 3009?

  6. utente anonimo

    Grazie per il desiderio esaudito… Complimenti e Auguri

    Lug il Marziano

  7. utente anonimo

    Questo blog deve essere considerato patrimonio dell’UNESCO.. non c’è storia…

  8. utente anonimo

    Ci sono 12 uova, uno per ogni mese

    Ci sono una marea di rompi uova in giro.

    La probabilità che nasca un pulcino è molto bassa.

    Mi sà che mangeremo frittata tutto l’ anno.

  9. PICCHU

    @confuso: si Curco Villa Certosa

    @zauberei e shamira: fatemi compagnia, si va in Venezuela

  10. funku

    basta questa festa è insoddisfacente

  11. diamonddog

    Io invece sono convinto che il 2009 rimetterà tutte le cose a posto.

    Mussolini e Stalin compresi.

  12. profondoblog

    i festivi che cadono di sabato fanno comodo a chi, come me, di sabato lavora!!!

  13. utente anonimo

    Vai a lavorare!!!

    Siamo in recessione: le stime ufficiali parlano del -1%, ma quelle reali sono veramente nere. E tu cosa vai a pensare? Al calendario festivo per il 2009.

    Dovresti ringraziare Domine Iddio perchè hai un lavoro, almeno per il momento. Sai quante migliaia di persone sono state già licenziate?

    Calza a pennello quel famoso detto popolare: “il sazio non ha mai creduto a colui che ha la pancia vuota”!!!

    Noi che facciamo? “Balliamo sulla plancia del Titanic”.

    Ottimo il tuo calendario festivo!!!

    Quanta amarezza e sconforto!!!

    Anonimo

  14. PICCHU

    @ shamira: beata te

    @ Confuso mi trovi nella 5 serie di Lost, vieni da me fratello

  15. otis08

    Confuso, non è che pensi un pò troppo?

  16. utente anonimo

    “Son cose.”

    Meraviglia sarebbe in me, e molta, se, in tempi di egocentrismo imperante, di diffuso opinionismo, di superficialità estenuante, di approssimazione approssimata e di becero cinismo, tu avessi saputo dire qualcosa di diverso dal tuo calendario festivo, dall’orologio e dal telefonino. D’altronde ti sei autodefinito: “personalità confusa”. (sic!!!)”. Sarebbe come chiedere ad un albero di pero di produrre mele.

    Avanti tutta! Il mondo è genuflesso ai tuoi piedi.

    Anonimo

  17. Shamira39

    Ammazza quanta rabbia anonimo…La recessione e’ solo una scusa in piu’ per persone come te che sanno solo piangersi addosso. Ridi ogni tanto che fa bene, e fai piu’ moto con la tua donna, nel caso ne avessi una:) Vedrai che il futuro ti sembrera’ piu’ roseo….

  18. sVizly

    Eppure a me gli anni dispari sono sempre piaciuti… certo che per farmi piacere questo 2009 dovrò spendere parecchie energie… e soprattutto dovrò spendere un po’ meno di bolletta del gas che l’ultima mazzata di 700 euro, di energie me ne ha levate un bel po’… e quindi si torna a parlare di crisi… un cane che si morde la coda!

  19. utente anonimo

    Sono molto felice che ci siano pochi ponti e i giorni festivi cadano di sabato o di domenica. Trovo molto fastidiose e faticose le settimane di tre giorni lavorativi e l’affollamento assurdo che si crea prima e dopo, negli uffici pubblici, in posta, ecc. ecc.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *