POESIA DEL PIOVASCO INATTESO

Il dilemma

dell’uomo camminante in istrada

all’aperto sotto il cielo

a piedi verso meta lontana

quando all’improvviso

comincia a piovere

piovere assai forte

e intorno non vi sono

edifizi con tetti a grondaia

in grado di offrire riparo,

e piove che dio la manda

e lui

s’accorge d’esser privo d’ombrello

e neppure ha la cerata

né l’impermeabile

e nemmanco le galosce.

35 Comments
  1. FirmatoCkf

    Eh… la mia prof d Matematicka, grande esperta di Statisticka, la ckiamava la sfortuna del povero Ckristo… Qlck1’altro potrebbe obiettare, “son cose”

  2. cptuncino

    comunque una soluzione potrebbe essere quella di nascondersi sotto le auto. Quelle ferme dico.

  3. cptuncino

    io comunque giro spesso con una borsa da spesa di quelle di plastica, per me l’importante è che non mi si bagnino i capelli

  4. zauberei

    Non restano al poverino che due chance:

    a. “del canterino hollywoodiano” che comincia aballare tip tap sorride e fa dei complessi salti obliqui evitando di scivolare (dimmi che armeno ci ha le scarpe colla para sotto)

    b. ” del giovane Werther” E quindi cammina diritto e lentamente guardando dinnanzi a se i paesaggi della potenza degli elementi – facendo parallelismi con i possenti sentimenti che lo agitano dentro (e speremo che non abbia gli occhiali e porti le lenti, perchè se no va tutto a puttane).

  5. lofoten

    Propongo le poesie del Confu§o nei libri di testo delle scuole dell’obbligo.

    Al rogo quelle di Gianni Rodari, Pascoli e Ungaretti.

  6. Strato2006

    Io l’ho messa in musica. Con gli accordi di “Laura non c’è”.

  7. utente anonimo

    vero che l’ultimo verso era una sonora imprecazione e l’hai tolto perché ti senti ancora in colpa per la busta vuota dopo la benedizione? eh? dillo!

    saluti

    _reda_

  8. diamonddog

    Ah, l’angolo della poesia.

    Boccaccianamente parlando potrei dire che

    penso e ripenso,

    e nel pensare impazzo…..

    ma lèvati di costì,

    testa di [bip]

  9. personalitaconfusa

    Bravo Statos, però cambi canzone per cortesia.

    Reda_: piove sui nostri volti silvani.

    diamond: ce l’ha con me?

  10. diamonddog

    Ma no, ma no…..gli è che rimembro i be’tempi andati, quando ci si dilettava a rimare con gli stornellatori in rivall’Arno….

    Ecco lei ha riportato alla mia memoria quei frammenti di vita eso-milanese, quando ancora gli ugelletti cantavano a festa e le donzelle solevano sorridere ai complimenti anzichè investirti con l’X5….

  11. lofoten

    E’ perché ora i complimenti non son più quelli di una volta.

  12. zebaldo

    A me fondamentalmente, più che il bagnarmi in sè da fastidio che mi si bagnino le lenti deglio occhiali, così, che io li tenga o meno, non vedo una benemerita mazza…

    …che poi dopo, non hai nemmeno niente per asciugarli…

  13. PICCHU

    Bisognerebbe bruciare i vecchi libri di testo delle elementari ( e dato che ci siamo anche la Gelmini con loro) e proporre questa nuova scuola d’avanguardia più guardia che avan.

  14. PICCHU

    Si, sono talmente sconvolto da me stesso che ho cambiato l’ordine degli addendi e il risulatato è cambiato.

  15. utente anonimo

    L’uomo senza ombrello ma che usa le parole delle vecchie zie, poteva entrare in un magazzeno e ordinare un gabarè di gibalgine… E poi chiamare un tassì da una gabina…

  16. LovinGyOu

    Ciao!

    Sono in cerca di persone interessate ad uno scambio di Link. Se ti interessa fammi sapere 🙂

    Buona giornata.



    ~GraphiC ManiA~

  17. lofoten

    “Verso”.

    Verso il dolcificante nel caffè

    e cade tutto nella tazzina.

    E come uno tsunami va a finire sulla Gazzetta Ufficiale.

  18. Strato2006

    Carissimo Confu§o… non era proprio così, dici che è meglio?

    Dolcissima Lofoten, ho paura che finché userai la lupara per “sparare” il dolcificante nella tazzina, le conseguenze saranno da quelle a peggio…

    P.S. ha smesso di piovere, esco da sotto il portivo e mi avvio…

  19. lottapia

    Sto passando un momento molto doloroso e difficile, eppure pensavo:

    ——————–

    Si dice spesso “cade a pioggia”

    per significar di casual foggia.

    Pure a volte, proprio quando esci,

    improvvisi ti colgon certi rovesci!

    E tu lì, inerme e in piedi

    stizzito ti chiedi:

    “Non poteva aspettare,

    farmi almeno riparare,

    oppur giungere a destinazione

    senza tal devastazione?”

    Nel tuo mesto peregrinare

    devi però pensare:

    se tutto nella vita andasse dritto

    certo non esisterebbero i rovesci

    Eppur poi, quando riesci,

    altrettanto bello non parrebbe il sole

    quando torna gaio a scaldar le aiuole.

  20. Strato2006

    Verissimo mia cara Lottapia, però adesso basta con la pioggia che ne ho due aiuole così…

  21. setteparole

    Al femminile è tutto un altro dramma. Sei appena stata dal parrucchiere…

  22. lofoten

    29° piano suona dal Confu§o.

    Tesoro di un Confu§ino, ti mando subito subito in contrassegno il mio tascabile di poesie dal titolo “Ho creato un gruppo di fans di Personalità confusa su facebook, ma ci sono solo due iscritti, quindi d’ora in poi mi dò alla poesia”.

    Solo 25 euro e in omaggio qui sul tuo blog, subito, una poesia mia tra le più amate dai miei lettori per la sua intensità.

    “Capita”

    Capita a volte

    che mi sento capita

    da te.

  23. FirmatoCkf

    uhhhh voglio poetare pure io! vengono tante ckose belle, e sembra facile…

    tanto va la gatta al lardo

    cke c lascia lo zampino!

    cke ve ne pare?

  24. icynose

    Eccolo rutilante incontro alle nubi.

    ecco, ora piovono goccioloni cupi.

    Ec…checcazzo, ho già i vestiti zuppi.

    (L’ermetismo paga cash!)

  25. zebaldo

    Per il commento #35

    Ma tu lo sai da dove nasce il proverbio che hai citato?

    Viene spiegato qui:

    http://petekantrop.splinder.com/post/6030515

    😀

    Ps: guarda che ti hanno fatto uno scherzo… ti hanno sostituito il tasto dell’ “h” con quello della “k” 😛

  26. utente anonimo

    Purtroppo quello che descrivi non è affatto un dilemma: quali sarebbero le due alternative, bagnarsi e bagnarsi?

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *