SECONDO UNA RECENTE RICERCA I GIOVANI

I numerosi (si fa per dire) amici giornalisti che seguono questo sito non se ne avranno a male, spero ne ridano e continuino a rivolgermi il saluto. Ma leggendo qua e là, ho notato che oramai sui quotidiani prende piede un genere letterario chiamato “Secondo una recente ricerca”.

L’artifizio consiste nel prendere un’analisi statistica, non importa di quale provenienza, ed esporne i risultati. E poi commentarli, magari con breve parere di un sedicente esperto scelto a caso, di solito relegato nel ritaglio in basso recante foto dell’esperto che per sembrare furbo si poggia la mano sul mento.

L’incipit è sempre quello: “secondo una recente ricerca coordinata dal centro studi scientifici della Università di Vattelapesca in collaborazione con il ministero dei miei stivali, il New York Times, Istat, Astud, Estor e vari acronimi di organizzazioni forse inesistenti…”
E via, fiato alle trombe.

Si passa quindi all’annuncio, alla verità insospettabile oggetto dell’indagine. Udite udite, i pigmei sono più bassi dei norvegesi. Il tale alimento fa bene al cuore, i calciatori guadagnano più dei ragionieri, il consumo di birra è più elevato in Germania che in Iran, i neri ce l’hanno lungo e come se non bastasse, l’acqua del mare è salata. Gli italiani sono i più (aggettivo a piacere) d’Europa ma i giovani d’oggi – un classico – sono dei perfetti cretini analfabeti rincitrulliti. Signor esperto, ci dica, come mai?

Il tutto è avvalorato da numeri. Cioè da percentuali e matematiche incomprensibili. Frasi del tipo “secondo le ultime rilevazioni condotte su un campione di 50,5 persone composto da individui di età compresa fra 18 e 100 anni nel secondo trimestre 2005 il tasso di sviluppo sale del 9% con un trend previsto pari a un decremento del 12% eccetera”. Cose così. Segue grafico a torta che aiuta poco.

Ma è pur vero che il medesimo quotidiano, pochi mesi dopo, dimentica la ricerca precedente e pesca un’altra statistica. E riesce a stupire con risultati diametralmente opposti. Quindi, ecco che all’improvviso i pigmei sono diventati più alti dei norvegesi. Il tale alimento fa male al cervello, i calciatori guadagnano meno dei ragionieri, gli iraniani consumano il triplo della birra rispetto ai tedeschi, i neri ce l’hanno cortissimo, l’acqua del mare, ohibò, non sa di niente, è insipida. Gli italiani, stavolta, sono i meno (aggettivo a piacere) d’Europa.
Ma il dato confortante resta un altro. I giovani d’oggi, come sempre da secoli, continuano ad essere più cretini di quelli di ieri: si apra il dibattito.

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

73 Responses to

  1. andrea3r dicono:

    non è un male essere cretini, ci si evita un sacco di mal di testa…

  2. TheresaDunn dicono:

    Ho sempre pensato che quelle ricerche fossero delle emerite stupidaggini.

  3. ReginaDelconato dicono:

    no ma, hai visto quante pagine deve riempire un quotidiano?

    parlare con i numeri è facile, fare i conti con le parole .. no.

  4. spad dicono:

    ehi, io sono più aggettivo a piacere di tutti voi messi assieme.. tsé!..

  5. lofoten dicono:

    Quando ci telefona il tipo che ci dice salve sono mario la chiamo per sapere da quale lato dorme e noi buttiamo giù la cornetta, non sappiamo quanto danno facciamo contribuendo al disincremento dei risultati delle indagini statistiche del caso.

  6. utente anonimo dicono:

    Caspita confuso, un complimento devo fartelo… che bene che scrivi…

  7. ilpuntodimerda dicono:

    Le statistiche le salto e basta.Soprattutto perché diventa come una scelta filosofica sapere a chi credere. Se l’istituto Svizzero dice che il pompelmo fa male al cuore quello Austriaco dice che fa bene. E questa diventa quasi una scelta filosofica: sei epicureo o stoico? Sostanzialmente…devi affidarti a qualcosa…possibilmente non alle statistiche!

  8. kj dicono:

    ministero del vattelapesca: allora la statistica è stata fatta in italia?

    :P

  9. cmalox dicono:

    Dr. confu§o ci definisca il range d’età dei “giovani d’oggi”, a scanso di equivoci vorrei sapere se rientro ancora

  10. pbeneforti dicono:

    secondo una recente ricerca, anche alle persone (blogger) più webbizzate e al passo coi tempi capita regolarmente di a) esprimere ovvietà arcinote come fossero nuovo verbo rivelato; b) parlare di cose che sono sempre avvenute come se fossero recentissimi mutamenti nei costumi.

    secondo gli esperti il fenomeno rientra collateralmente nel cosiddetto analfabetismo di ritorno.

  11. Strato2006 dicono:

    Il range lo vuoi secondo i parametri delle statistiche Epicuree (Svizzere) oppure di quelle Stoiche (Austriache)?

    Chissà perché in questi casi non ho dubbi sulla risposta …

    :-)

  12. molengai dicono:

    io mi chiedo quanto vengono pagati i ricercatori per queste statistiche, ne avrei migliaia da proporre, tanto basta trovare un argomento inutile e aggiungerci numeri e grafici no?!

  13. cmalox dicono:

    #13 terrorizzato in qualità di produttore… o consumatore?

  14. utente anonimo dicono:

    #15 – mi faccia riflettere…..

  15. lofoten dicono:

    Produttore o consumatore di pompelmi?

    Cortesemente fatemelo sapere che più tardi devo fare la spesa.

  16. FunnyValentine1 dicono:

    Mi pare Mark Twain, ma comunque uno scrittore disse: “Esistono le balle, le megaballe e le statistiche” (o ricerche, che dir si voglia).

    I risultati delle “ricerche” non solo non sono serie, ma nemmeno lo vogliono essere. Sono puro intrattenimento: come tali, infatti, le leggiamo.

    V

  17. diamonddog dicono:

    Sono d’accordo.

    Lardo ai giovani!

  18. laislabonita dicono:

    anonimo #6, che bene che scrivi è un complimento a doppio taglio!

  19. utente anonimo dicono:

    #23 sì, la seconda volta si legge pompelmi, almeno lascia un buon retrogusto

  20. lofoten dicono:

    Il dibattito sui pompelmi è aperto.

  21. Strato2006 dicono:

    A suo tempo seppi da fonti attendibili che gli ananas hanno le stesse proprietà …

  22. utente anonimo dicono:

    secondo le ultime statistiche, comunque, il 100% del 94% che li preferisce spremuti e il 100% del 6% che li preferisce in granita riferiscono di riscontrare un immediato effetto astringente

  23. cmalox dicono:

    vorrei proprio vedere quelle tabelle sul pompelmo

  24. Strato2006 dicono:

    Queste tabelle hanno tutta l’aria di provenire da statistiche fatte su popolazioni di climi freddi; ai tropici prevarrebbero senz’altro le granite

  25. utente anonimo dicono:

    Spero che questi dati siano presi da fonti certe. Cortesemente, che si citino.

    Sto facendo la tesi sulla “Fenomenologia della statistica caso per caso a caso”. E guarda caso il pompelmo è uno dei casi preso a caso.

    Zia Lò

  26. utente anonimo dicono:

    #28 secondo le statistiche dell’Istituto di Pompelmologia Applicata di Durban (Australia), è risultato che il 100% della popolazione maschile mondiale gradisce i pompelmi in tutte le varie modalità ma non hanno rilevato differenze statisticamente significative nelle percentuali di preferenza del pompelmo in granita in relazione alla latitudine o al clima.

    insomma, al 94% dei maschi il pompelmo piace a caldo.

  27. IlaLuna84 dicono:

    Ma “secondo una recente ricerca” i giovani che studiano giornalismo come si collocano? E poi, fino a che età si è giovani? Voglio dire: con la parola “giovani” si intendono i pre-adolescenti e gli adolescenti? Oppure, più genericamente, gli Under 30? Ma anche in quel caso, non è che un trentenne sia vecchio. Quindi dovrebbe considerarsi giovane anche uno di trent’anni? Ma un trentenne non ha le stesse abitudini di un tredicenne. Dunque, chi è giovane? Uhm, mi sto perdendo. Vabbè, meglio che vada a mangiare qualcosa!

  28. kj dicono:

    #30: ma Durban, quello dei dentifrici, non stava in SudAfrica??

    oddio, Zia Lò, non ci sto a capire più niente…

  29. PICCHU dicono:

    Oramai si va per frasi fatte, la maggior parte dei giornalisti l’ha testata in precedenti articoli, ha capito che la reazione era scomposta e quindi vai di reciclo.

    Ma c’è anche la storia dei bravi ragazzi che torna a bomba: “Sono dei bravi ragazzi” hanno solo sterminato la famiglia…

  30. andrea99boban dicono:

    Giovane è quello che sa stupirsi ogni giorno di qualcosa. Chi non ci riesce più , non capisce chi amcora ci riesce, e lo ritiene un citrullo. Oppure, un pompelmo. A proposito, il 50% di me lo preferisce spremuto, il 50% con la panna montata, il rimanente 50%, ai quattro formaggi. Totale 150%, e questo solo perchè mi sono concentrato.

  31. Sì, e secondo recenti studi, il 99% dei pompelmi è contrario alle spremute.

  32. utente anonimo dicono:

    L’ 1% è incerto. Parliamone. Non trascuriamo le minoranze.

  33. michysplinder dicono:

    Pensa che a Scienze della Comunicazione, corso di Composizione testi, insegnano proprio a scrivere questi articoli. Per un trimestre prendi una statistica e scrivi un articolo sulla ricerca, a ripetizione. Dopo la laurea continui a fare la stessa cosa, gratis, per un giornale free press, nella speranza che una famosa testata giornalistica noti le tue abilità nello scrivere i numeri in parole e ti assuma per scrivere articoli che cominciano con la frase “Secondo una recente ricerca”…

    A quanto pare mi si prospetta un futuro stimolante…che amarezza che si prova a essere un giovane d’oggi.

  34. Strato2006 dicono:

    #37: sempre meglio che essere un pompelmo, e non tanto per la granita ma per come ti scassano gli zebedei con le statistiche!

    A proposito. Lofoten: fatta la spesa? A quanto stanno i pompelmi dalle tue parti?

  35. giarina dicono:

    definire giovani.

  36. utente anonimo dicono:

    #30 sì ma questa è una sede di ricerca costruita appositamente nel deserto australiano proprio coi fondi della nota fabbrica di dentrifricio.

    secondo le loro statistiche, nel 100% dei casi dopo un pompelmo c’è sempre qualche rimasuglio che resta incastrato tra i denti e quindi risulta necessario procedere al lavaggio. hanno dei grossissimi interessi, come vedi, in questo tipo di studi statistici.

  37. Strato2006 dicono:

    #40: rimasugli tra i denti??? Ma di che pompelmi estremi stai parlando??? Brrr …

  38. lofoten dicono:

    Secondo una recentissima quanto veloce ricerca eseguita ai semafori, risulta che:

    – il pompelmo per strada costa circa il 19% in meno-

    Demo-Loffy

  39. cmalox dicono:

    si ma, il pompelmo rientra nel nuovo paniere Istat?

  40. utente anonimo dicono:

    #42: non mi fido dei pompelmi in vendita ai bordi delle strade, con tutto quello smog e quelle polveri sottili che assorbono mi danno l’impressione di essere poco indicati per la salute

  41. utente anonimo dicono:

    #40: sempre secondo le ultime statistiche dell’Istituto di Pompelmologia Applicata, la percentuale di rimasugli secondo l’uso è la seguente:

    – 0.1% nel caso di spremuta di pompelmo con filtraggio

    – 5% nel caso di granita di pompelmo

    – 29% nel caso di pompelmo con cucchiaino

    – 98,7% nel caso di pompelmo a morsi

    son dati.

  42. lofoten dicono:

    Ho visto pompelmi sfruttati spremuti fino all’osso.

  43. diamonddog dicono:

    Il migliore saggio sui sondaggi lo si trova all’interno di “Nel Terziario avanzato nessuno può sentirti urlare” di Walter Fontana.

    Che non è che voglio fare pubblicità ma è un libro tra i più divertenti che mi sia capitato di leggere.

  44. ilpuntodimerda dicono:

    Oddio dovevo trovare un frutto con meno richiamo sessuale….vedete cosa fa la pubblicità???

  45. ilpuntodimerda dicono:

    Ah…leggo questo blog da circa due anni…non avevo mai commentato…ora ho scatenato un “pompelmo” di discussioni….son soddisfazioni eh…

  46. Strato2006 dicono:

    Ah ma con pompelmo si intendeva il frutto?

    E ancora:

    Pompelmo è maschio o femmina?

    Pompelmo è di destra o di sinistra?

    Un pompelmo a morsi (#40) in strada costa il 19% in meno (#42), ma viene pagata la tassa per l’occupazione del suolo pubblico?

    La spesa è deducibile? In che percentuale?

  47. Strato2006 dicono:

    E tornando al tema del post, se un/a giovane risulta particolarmente abile con i pompelmi, viene ancora considerato cretino/a dalle statistiche?

  48. utente anonimo dicono:

    #52: secondo l’analisi “fenomenologia dell’uso del pompelmo presso stagisti e candidati precari”, consumare un pompelmo sotto la scrivania di stanze di forma ovale può avere conseguenze di risonanza mondiale.

  49. lofoten dicono:

    Son domande legittime.

  50. lofoten dicono:

    Diamond al 47° piano.

    Lei è fortemente O.T.

    Quanti anni ha?

  51. Strato2006 dicono:

    Secondo un recente sondaggio diretto dall’Università del Settimo Giorno “Hasta la demencia siempre” di Palo Alto, il 97,32% dei post sui sondaggi degenera in sproloqui sui pompelmi e in allusioni sulle loro conseguenze. Questo perché i giovani d’oggi sono sempre più cretini.

  52. utente anonimo dicono:

    #55: è proprio quando leggo questi risultati statistici che mi sento molto contento dei miei 48 anni :D :D :D

  53. Qui urge post monografico sui pompelmi.

  54. Strato2006 dicono:

    Mah, a mio modesto avviso ormai quello che si doveva dire …

  55. diamonddog dicono:

    Conta solo l’età biologica.

    Per il resto ho ‘nt5anni.

  56. diamonddog dicono:

    Piuttosto, seriamente.

    Per il post sui pompelmi.

    Interpellerei per uno scambio di opinioni Sara Varone.

  57. michysplinder dicono:

    #37, #38: Strato ti odio. Ero appena riuscito a fare un commento da giovane intelligente sul blog di personalitàconfusa e tu me l’hai rovinato. Mi devi un pompelmo.

  58. lofoten dicono:

    Iniziamo da qui:

    Nome scientifico del pompelmo – citrus x paradisi-

  59. Strato2006 dicono:

    #61: spremuto, in granita o a morsi? in strada o in stanza ovale? E poi tu almeno sei giovane …

    #62: potresti chiarire “x” per cortesia? … sa di vago …

  60. gattopesce dicono:

    gli scienziati, che lungimiranza: come nome scientifico del pomplemo hanno scelto qualcosa che lo associasse al paradiso. qualche volta le recenti ricerche allora a qualcosa servono.

    son pompelmi.

  61. orsodingo dicono:

    Secondo una recente ricerca i giovani non sanno cos’era il quartetto cetra. Strano.

  62. ilpuntodimerda dicono:

    No….sto troppo godendo…scatenare questa bagarre con la parola POMPELMO scritta al punto giusto fa sì che oggi il punto di merda sia meno di merda.

    Volevo dirvi che il pompelmo non è solo un frutto buono, ma anche un po’ cattivo. Infatti interagisce con almeno 30 farmaci! Occhio al POMPELMO ASSASSINO!!

  63. diamonddog dicono:

    Ma il pompelmo rosa?

    E’ per farlo entrare in parlmento?

  64. Strato2006 dicono:

    E Clementina allora? Che le piacciano i pompelmi?

    Sì perché sennò sono pompelmi amari …

  65. utente anonimo dicono:

    #67 per quello ci stanno già pensando: si tratta proprio delle famose “quote rosa”

  66. ettorissimo dicono:

    w l’informazione libera e di strada, quella fatta anche dai piccoli blog in cui si riportano notizie che le persone vanno a verificare con i propri occhi senza affidarsi alle recenti ricerche.

    ettorissimo

  67. Bravo Ettorissimo, anche io sono per la gente di strada. Pensa che io ci dormo pure, in strada.

    ***

    Scusate, ma perchè metà di voi parlano di pompelmi, e per di più ne parlano male? che avete contro i pompelmi, poveretti?

  68. utente anonimo dicono:

    Pompelmo libero!

  69. Strato2006 dicono:

    Sor Confuso, mi scusi ma dei pompelmi non parliamo affatto male: il nostro è semmai un “approccio scientifico” …

  70. profondoblog dicono:

    il bello di queste statistiche è che nonostante i riferimenti alle ricerche, nessuno si prende la briga di scovare nelle pubblicazioni scientifiche citate tutti i dettagli di tali statistiche, che tanto possono benissimo essere fasulle… come quella che pubblicai tempo addietro sul mio blog e alla quale tutti credettero….

  71. utente anonimo dicono:

    allora dovresti aggiungere la nostra simpatica ricerca…”Figli dell’incertezza” edita da Carocci.leggere x credere…

  72. We’re a group of volunteers and starting a new scheme in our community. Your web site provided us with valuable info to work on. You have done a formidable job and our whole community will be thankful to you.

Rispondi a ettorissimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *