FENOMENOLOGIA DELLA SOTTRAZIONE DI PARCHEGGIO DA TERGO

La lezione di oggi riguarda un modello socioantropologico di notevole interesse scientifico.
Procediamo con l’analisi del fenomeno: dopo ore di girovagare avvisti il sospirato posteggio libero. Con grande soddisfazione effetti nell’ordine queste semplici operazioni:
1) rallenti;
2) ti fermi pochi metri avanti (in segno di imminente conquista);
3) accendi il lampeggiante della freccia (chiaro segnale a dire “ehi, è mio”)
4) prepari la retromarcia (ulteriore gesto di presa di possesso) mentre attendi che quel paio di auto in transito si allontanino e non disturbino la tua manovra;
5) in quel momento, sopraggiunge alle spalle un veicolo che, zac, si infila nel tuo parcheggio.

O porcogiuda, penserai. E adesso, che fare?

All’avverarsi della condizione 5, puoi reagire in tre diversi modi:
a) te ne vai senza far troppe storie, e come la volpe con l’uva tenti invano di convincerti che in fondo era troppo stretto per la tua piccola utilitaria;
b) accenni un gesto di sdegno da dietro il parabrezza ma poi abbandoni cavallerescamente per meditare nel tuo intimo sull’inarrestabile declino dell’educazione civica nelle società urbane moderne;
c) scendi dalla macchina e inizi a urlare.

Se hai selezionato il comportamento c, a questo punto sei in mezzo alla strada e ti avvicini minaccioso all’automezzo nemico. Dal cui interno – è inevitabile – si manifesterà uno di questi tre scenari:
a) una vecchina al volante piagnucola che c’era prima lei, tra l’altro abita lì vicino e quindi ne ha diritto; ribadisce di non aver alcun intenzione di sottomettersi al sopruso e se non la smetti chiama la polizia, prepotente drogato zingaro musulmano che non sei altro.
b) uno skinhead altro tre metri e largo due spalanca la portiera, si monta i tirapugni d’oro su entrambe le mani e poi ti domanda allora cosa cazzo vuoi;
c) un imperturbabile signore di mezz’età scende dalla macchina parlando al cellulare, non ti degna neppure di uno sguardo e se ne va via come se tu non fossi mai esistito.

Per concludere; è infine matematico, e lo dicono le statistiche: sul nostro pianeta non si verificò mai nella storia il caso di un ladro di posti capace di chiedere scusa e cedere il parcheggio maltolto al legittimo detentore. Secondo recenti studi, tale condotta non rientrerebbe nella natura umana.

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

56 Responses to

  1. utente anonimo dicono:

    ladro di post

  2. utente anonimo dicono:

    …mi piace qui adorabile e sferzante pianeta ironico. Buonanotte

  3. lafatinarossa dicono:

    la categoria più insopportabile è di sicuro la c!!!

  4. utente anonimo dicono:

    allora vengo da marte–

  5. diamonddog dicono:

    Ho vissuto l’opzione “doppia c”.

    Però con il mio ladro di posti ho avuto un accenno di dialogo.

    diamond: lo sa che io non insisto e non la insulto solo perchè lei è vecchio, però sappia che se ne sta approfittando un pò troppo

    vecchio: certo lo so, e allora?

    Restai sospeso tra la voglia di rigargli la fiancata, quella di scacciavitargli le gomme e un’insana ammirazione.

    Mai vista una maggiore faccia di tolla in vita mia.

  6. utente anonimo dicono:

    Ma perchè tutta quella manovra, se bastava entrare di muso?

  7. cliste dicono:

    minchia a me mi hanno rigato la fiancata…

  8. utente anonimo dicono:

    Be io mi sono beccato un suv che tentava di fare manovra a S per parcheggiare, si è infilata un smart, parcheggio il tizio della smart scende e dice a tipo del suv il tizio del suv prende, fa retromarcia e carica sulla smart, l’altro disperato e il tizio del suv il mondo e fatto anche per i ricchi…..folla in sbaccano totale

  9. cptuncino dicono:

    trovo molto bello che lei in ua situazione simile pensi :

    “O porcogiuda. E adesso, che fare?”

    mwahahahhahahahhaha

  10. LaStefy80 dicono:

    Mi gira la testa dopo aver letto il commento #9

  11. orsodingo dicono:

    Sono circa 40 minuti che leggo il commento n.9. Per ora ho stabilito che:

    1. fa più ridere del post stesso;

    2. non ho capito assolutamente nulla di quello che c’è scritto;

    3. La maestra elementare dell’autore dovrebbe essere incarcerata con il 41 bis;

    4. qualora l’autore fosse uzbeko, la prossima volta scriva pure nella sua lingua, che tanto è lo stesso.

  12. cptuncino dicono:

    a me ha fatto ridere il 7 invece, avrò qualcosa di sbagliato?

  13. profondoblog dicono:

    attenzione poi alla tecnica del passeggero che scende dall’auto di chi vuole parcheggiare e si mette nel posto per tenerglielo: il ruba-posti sicuramente lo investirà!!!

    ps: hai scritto all’inizio: “Con grande soddisfazione effetti …” anziché effettui… almeno credo volessi scrivere così, o forse volevi scrivere metti, fai, giochi, pieghi, ridi…. boh!

  14. utente anonimo dicono:

    beh, io non faccio mai ste furbate. e se mi capita perché sono distratto, chiedo pure scusa..:-) sono l’anello mancante nella catena evolutiva? faber

  15. pbeneforti dicono:

    non è vero che non sia mai successo: a me lo hanno restituito, il posto fraudolentemente carpito.

    forse avevo un’aria particolarmente feroce, quel giorno.

  16. spad dicono:

    eppure a me succede sempre, che mi chiedano scusa e mi restituiscano il maltolto..

    ci riesco, facendo capire che a dispetto di tutte le leggi fisiche conosciute, io parcheggerò sicuramente la mia auto proprio lì..

    diversi graffi sulla carrozzeria e sulla mia faccia dimostrano poi che non sto scherzando..

  17. utente anonimo dicono:

    Opzione d) Scendi dalla tua auto pronto a menar testate, ma dalla portiera scorgi una coscia di un paio di metri.Il tuo cervello si formatta auotomaticamente, allora la aiuti a scendere dall’auto, ti complimenti per la sua audace manovra e le auguri una buona giornata.Lei si allontana e ti sorride con la stessa indifferenza (legittima) con cui attiva l’antifurto. Il trillo del bloccaporte resetta di nuovo le tue coonnessioni sinaptiche, ti accorgi di avere un cervello che comincia a mandarti un solo messaggio: PERCHE’?.

    Ovviamente la tua dignità non può risentirne ulteriormente, quindi imputi l’accaduto a qualche strano ed ancestrale fenomeno costitutivo di imprinting genetico, che non puoi in alcun modo controllare.

    Torni alla tua macchina e per bloccare per sempre l’incipiente senso di colpa verso te stesso, ti righi mezza fiancata!

  18. utente anonimo dicono:

    io preferisco rubare il parcheggio agli handicappati. di solito stanno zitti.

  19. cmalox dicono:

    Guagliò, criatur’, mo sient’a me, piglia a metropolitana, e nun ce pensà chiù ;))

  20. utente anonimo dicono:

    #9: quella che lei ha raccontato è una ben nota leggenda metropolitana

  21. utente anonimo dicono:

    Io di solito sono quella che scende dalla macchina per “prenotare” il posto… E sistematicamente trovo qualche altra tipa che ha avuto la stessa trovata con la quale inizia un acceso dibattito. Però alla fine vinco sempre io!

    Ps. Con le buone si ottiene tutto!

  22. laislabonita dicono:

    ci sono almeno due errori, nella tecnica adottata per prenotare il parcheggio:

    – non ci si mette davanti, ma dietro

    – le quattro frecce, contrariamente a ciò che pensa la maggior parte della gente, non servono per fermarsi sul lato della strada, ma per segnalare situazioni anomale (tipo: ti si spegne il motore e sei in mezzo alla strada): per accostarsi a destra, si mette la freccia a destra (anche se l’uso degli indicatori di direzione è ormai fuori moda).

  23. silice dicono:

    “dimmi come guidi!

    e ti dirò che razza di stronzo sei”

  24. Bostoniano dicono:

    Eccezione che conferma la regola. Mentre giravo la macchina per entrare nel MIO parcheggio, con un amico davanti al parcheggio a tenere il posto, un tizio si è infilato nel posto facendo intuire chiaramente al mio amico che non si sarebbe fermato. Proteste, lui se ne frega. Minacce di fargli le gomme appena girava l’angolo (nei termini “vedi come la ritrovi, la macchina…”, corroborate dall’aspetto di ventenni devianti) e lui è risalito in auto e se n’è andato. Non mi rende particolarmente orgoglioso il modo, ma quel che è giusto è giusto.

  25. in effetti il rilievo di islabonita (24) è giusto, le quattro frecce sono una pirlata..

  26. chunfy dicono:

    In caso di evento 5) faccio ritrovare solo il tubo di scappamento, che potrà essere riposto in luoghi poco consoni.

  27. eibisi dicono:

    Scusate ma…

    e Jame’s che fine ha fatto?

    troppo belli i suoi fotoritocchi…

  28. lofoten dicono:

    Mi chiamo Lofoten e ho rubato un posto.

    Alle proteste del vecchietto, ho parcheggiato lo stesso e andandomene a far compre gli ho detto “ma porca miseria lo sa che non l’avevo proprio visto?”

  29. Abigail83 dicono:

    Usa il buon vecchio dito medio che ha sempre successo…!!

  30. utente anonimo dicono:

    Dal punto 1 al punto 4, come da programma, poi:

    5b) cominci la retrò, fai manovra e dal lunotto posteriore vedi spuntare quella mezza macchina di una smart che stava lì da giorni, ma stava nascosta, corta, piccola, infame!

    red

  31. utente anonimo dicono:

    #32: in effetti non ho mai capito bene nemmeno io perché i proprietari di: smart, 500, 600, micra, y10, ypsilon, matiz, 126 hanno quasi tutti questa simpatica abitudine di parcheggiare col muso della macchina il più avanti possibile rispetto al posto occupato.

    va a finire che prima o poi, se mi viene da entrare nel parcheggio in modo “gagliardo”, qualcuna ne soppresso (nel senso di “pressare con veemenza riducendola allo spessore di un macbook air”)

  32. utente anonimo dicono:

    #33: se intendi farlo, portati sempre dietro la macchina fotografica e scatta

    red

  33. lofoten dicono:

    @33

    In verità è che noi possessori di micro macchine siamo molto più bassi di voi proprietari suvvisti, indi per cui, quando sbirciate dietro dall’alto del vostro mezzo, vedete soltanto il nostro tettuccio e non siete capaci di capire quanto spazio vi rimane per fare manovra.

    Lofoten dal suo libro “Studi e stadi dei metodi di parcheggio dei proprietari di SUV e affini”

  34. utente anonimo dicono:

    mentre parcheggiavo in un posto vuoto è arrivato uno sui 50 A PIEDI a dire che quello era suo.

    nn so dove avessa l’auto

    è stato lì mezz’ora impedendomi di parcheggiare con il mio paraurti a un centimetro dalle caviglie

    dopo 45 minuti si è liberato un posto 3 metri avanti e l’ho messa lì

    nn ho idea se poi quello sia riuscito a parcheggiare nel “suo” posto

  35. lofoten dicono:

    Lascio il posto ai Prenotatori solo se mi dicono “guardi sta arrivando una macchina con mia zia Pina che se non posteggiamo davanti casa non scende dall’auto e poi si mette tesa tesa che grida fino a squarciarsi le corde vocali riportatemi all’ospizioooooooooo riportateeeeeemi…E le suona di santa ragione a chi si avvicina col bastone dal lato della punta d’avorio”.

    Solo in questo caso.

  36. utente anonimo dicono:

    36° piano.

    Ma uno sui 50 che sono? Pattini?

    Sta roba moderna, ah…

  37. utente anonimo dicono:

    #35:

    io sono alto (si fa per dire) 170 e ho una Citroen C2 ma la parcheggio bene, col culetto bene allineato al culetto delle altre auto (suv esclusi).

    odio i suv con tutte le mie forze. e odio ancora di più le casalinghe che guidano i suv del marito per essendo assolutamente incapaci di farlo.

  38. C’è poco da ridere, quello delle smart è un problema sociale serio, un male che andrebbe combattuto.

  39. #36: sarà mica stato il matto del quartiere? :)

  40. utente anonimo dicono:

    #40: protesta alla mercedes per obbligarli all’allungamento?

    red

  41. Luposordo2 dicono:

    #22: come hai fatto a capire il #9?

  42. lofoten dicono:

    Mi chiamo Lofoten e stamattina ho tentato di rubare un posto.

    -Come ogni mattina mi accingevo all’avvicinamento presso la mia sede di lavoro, quando repentinamente ho parcheggiato la mia autovettura nello spazio apposito, sottraendo ad un altro automobilista sopraggiunto prima di me, il diritto al parcheggio, acquisito dalla sua presenza in loco prima della sottoscritta. Nulla sono valse le proteste del suddetto, il quale dopo avere elencato non in ordine alfabetico tutti i santi, prelevava il cric dalla sua autovettura, che teneva riposto accanto al sedile, affermando che visto che ero una rappresentanza del sesso femminile (tra l’altro ben riuscita) si sarebbe limitato soltanto a “lasciare un ricordino” come da testuali sue parole, riponendo al suo posto il suddetto cric. Prelevato dalla tasca con cerniera del suo giubbotto un chiodo lungo circa 10 cm. rigava la fiancata sinistra della mia autovettura costringendo la sottoscritta ad un rapido innesto della retromarcia al fine di consentire l’uscita dal parcheggio ivi sottratto, onde evitare ulteriori rappresaglie del derubando. Dopodichè la sottoscritta, abbassava il finestrino e uscendo la mano sinistra, piegava mignolo, anulare, indice e pollice e lasciando eretto il dito medio sgommava, non senza aver urtato con lo spigolo destro del paraurti posteriore, l’autovettura che si accingeva a prendere il suo posto-.

    Lofoten dal suo libro inchiesta “Verbali verbalizzati da confessioni estorte”

    Euro 3,00 + adesivo falso “medico in visita”

  43. gattopesce dicono:

    #45

    – Stamattina, nel prendere possesso con i giusti mezzi del mio posto di parcheggio presso la mia sede di lavoro che un rappresentante del sesso femminile ha tentato proditoriamente di rubarmi, ho danneggiato in modo serio un chiodo da 10 cm. Vista la sua confessione, chiedo il risarcimento immediato del danno altrimenti mi riservo di adire le opportune vie legali.

  44. gattopesce dicono:

    p.s. e l’italiano anacolutico e sgrammaticato è assolutamente voluto

  45. lofoten dicono:

    @gattopesce

    Adisca adisca che io intanto mi mangio la sua lisca…

  46. gattopesce dicono:

    sig.na lofoten, attenta che alla sua lista ci aggiungo anche il tentato adiscamento.

  47. cornersoul dicono:

    Perché mai uno che ti ruba il posto ti dovrebbe chiedere scusa?

    Non è che lo può fare per sbaglio.

    Se vede che stai facendo manovra e si infila lui è stronzo di suo.

    E gli stronzi non sanno nemmeno come si chiede, scusa.

  48. Acustico dicono:

    In Africa questi problemi non esistono.

  49. utente anonimo dicono:

    Manco in Groenlandia.

  50. Dania78 dicono:

    Sig. Confuso,

    potrebbe riscrivere il pregiato post nella sua versione femminile?

    4 sole manovre per impossessarsi del pacheggio mi sembrano poche…

  51. PICCHU dicono:

    E’ un problema universale. Bisognerebbe prendere ill numero di targa e fargliela pagare al meschino.Non la targa naturalmente. Un pò di terrorismo da super terrone intendo

  52. utente anonimo dicono:

    Giuro di avere visto un post sui prestiti, mutui e ruberie affini…

    zia Lò che deve andare subito dal medico

  53. utente anonimo dicono:

    …arrivo al parcheggio del supermercato..

    …lo trovo subito e vicino all entrata…

    …che culo!!!….

    …faccio la spesa…

    …esco e mi preparo a camminare tanto per recuperare la macchina…

    …di solito è così…

    …i primi passi appena uscita…

    …vedo una macchina con la fiancata sbrancata…

    …ghigno…

    proseguo…

    …panico ,vuoto…

    …abbassamento della mascella…

    idietreggio…

    …si,è la mia macchina…

    …il colpevole…

    …ignoto…

    sono un pò fuori tema ma sempre di parcheggio si tratta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *