Lucifero infame

In città molti lo conoscono e parecchi lo leggono ogni mattina, eppure nessuno lo ha mai visto.
Ma da diversi anni, qualcuno passa le giornate scrivendo insulti al Demonio sui muri di Milano.

Li scrive a penna o pennarello, dappertutto. La rete metropolitana ne è piena zeppa. Sulle pareti, sui bordi dei cestini dell’immondizia, sui cartelli segnaletici, persino sui corrimano delle scale mobili, sopra le panchine, sui sedili nei vagoni, per terra, sulle saracinesche delle edicole, nelle oramai rare cabine telefoniche e sugli specchi delle macchine per fototessere. Ovunque.

Scrive in caratteri piccoli, discreti, come se i suoi fossero messaggi non per le gran masse di pendolari ma direttamente per il solo destinatario dell’offesa, che prima o poi forse passerà da lì.
Si va dal mite “Lucifero Infame” a “Lucifero Ladro” e all’equazione “Diavolo = Pirla”, passando per “Lucifero Barbone” e il più frequente, il suo cavallo di battaglia: “Lucifero Culo”.
Altre volte lo chiama Satana, Baal, o Belzebù. Una calligrafia incerta, in stampatello, di sicuro sempre la stessa.

Dovendo scegliere uno sfondo, preferisce i manifesti pubblicitari: si prestano alla creatività. A fianco della sorridente modella di turno, il nostro ci disegna un fumetto, e dentro, la solita frasettina oltraggiosa.

Rimane il mistero di tanta perseveranza. Che vita fa, quest’uomo? Chi può sapere se sia giovane o vecchio, maschio o femmina, se lavora o fa solo quello, e quando produce le sue scritte? Di notte? All’alba? E qualcuno lo ha mai colto all’opera.

Personaggi:
– Funzionario dell’Azienda Tramviaria Milanese, in divisa;
– L’autore delle scritte Lucifero infame

Scena:banchina di una fermata del metrò. In attesa dell’ultima corsa.

– Ehi! Lei! Cosa sta facendo con quel pennarello?
– Ma nulla, scrivo “Lucifero Stronzo” sul muro.
– Ma allora lei è…
– Modestamente, sì.
– Urca, che fortuna!
– Eh eh.
– Me lo farebbe un autografo?
– Certo! Vuole anche la dedica?
– Grazie! Ci scriva anche “Lucifero culo”, per favore.

Piace immaginare che questa città finirà così: coperta di scritte. Interamente coperta da insulti al Demonio, scritti con un trattopen nero ovunque, e da questo resa irriconoscibile, indecifrabile.
Quando gli archeologi la ritroveranno, ci metteranno un bel po’ a capire.

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

72 Responses to Lucifero infame

  1. tremori dicono:

    Si diceva che le scritte “DIO C’E'” indicassero uno spacciatore in zona… che sia lo stesso spacciatore? Ormai va di moda attaccare il Diavolo senza fare proprie affermazioni (vedi: Sinistra)!

    Ah: PRIMO! :-P

  2. Jojoy dicono:

    Sarà un beghino militante.

    Qui abbiamo invece il militante del tratto-fibra che si esterna sotto i portici della città con:

    “W Marx, w Lenin,w Mao tse tung.”

    “Indietro non si torna.”

    “Fino alla vittoria del proletariato”

    “W Stalin.

    E via discorrendo.

    Anche lui discreto e perseverante, un buon dinosauro comunque…

  3. kj dicono:

    gli archeologi, quando la scopriranno questa città, diranno che altro non era se non il luogo adibito a sacrifici e riti satanici…

  4. anchorless dicono:

    immagino che il diavolo si faccia delle gra risate.

    stefano

  5. Succo dicono:

    Poi si scoprirà che si trattava del rilancio pubblicitario di una bionda birra francese ;)

  6. utente anonimo dicono:

    un raggio di sole :-)

  7. pensavo: potrebbe aprire un blog e riempirlo di lucifero culo (e fare lo stesso sui commenti, sulle email, ecc.)

  8. utente anonimo dicono:

    Cazzo, finalmente!! Finalmente ho trovato qualcuno che ha lo stesso dubbio. Io fotografo le opere di questo paranoide integralistacattolico almeno dal ’98. E’ impressionante, non ha nemmeno la crisi del settimo anno!! Nessuno ha tanta perseveranza. E’ dal ’98 che voglio conoscere questo genio della comunicazione. Guerrilla-marketing? Beh, grazie per questo post. Ora non mi sento più solo, eheh ciao I.

  9. grazie, ma dove sono ‘ste foto? (e poi temo non si tratti di integralismo cattolico ma di pura e semplice follia: il chè, tutto sommato, è consolante)

  10. utente anonimo dicono:

    Ignoro la distinzione tra integralismo cattolico e follia…

    Al.

  11. loxmetender dicono:

    raramente ho letto un post più interessante.

  12. loxmetender dicono:

    ecco insomma ho provato esattamente quella sensazione di leggere il post che avrei voluto aver scritto io.

  13. non mi prendere in giro, lucifero ti vede.

  14. linda1980 dicono:

    haha non ho ancora letto il post ma sto già ghignando… essendo milanese!

  15. loxmetender dicono:

    ma ero serio. …diavoloinfame!

  16. RAM_mit dicono:

    Secondo me è un chitarrista Black Metal che ha venduto l’anima al demonio, ma non ha ottenuto nè successo nè un posto nella top ten. Il diavolo sarà anche potente, ma non abbastanza da rendere ricco e famoso un metallaro…

  17. utente anonimo dicono:

    …in quest’epoca di precarietà almeno qualcuno si ricorda di celebrare alcune certezze…?!

    bamboo

  18. scrivana dicono:

    li ho visti.

    secondo me è un affamato.

  19. utente anonimo dicono:

    DUMBO ha già infettato e rovinato tutta Milano.

  20. utente anonimo dicono:

    lucifero ladro

  21. utente anonimo dicono:

    Non è un integralista cattolico ma un satanista praticante che avendo un sistema assiologico invertito glorifica in questi termini l’oggetto della sua devozione.

    Fra

  22. Franfiorini dicono:

    Nel modesto paesino termale dei miei natali il nome lucifero è sosituito dal nome di un politico non alto, con dei capelli trapiantati e con un’alta considerazione di se.

  23. kaktus dicono:

    potrebbe essere sempre opera di lui:

    ,

    CT, do you remember?Andava in giro negli anni ’80 per il parco sempione scrivendo con vernice bianca “POPOLO BUE, LA CHIESA TI UCCIDE CON L’ONDA”.

  24. kaktus dicono:

    …magari ora si è redento, ed ha cambiato parrocchia (non aveva tutti i torti CT, nel suo delirio subliminale)

  25. boh, questo a volte scrive anche in spagnolo (?)..

  26. EvaCarriego dicono:

    finale alla Jerome K. Jerome

    dalle mie parti un certo Sorry – si scusa dopo aver abbellito i muri – è da poco salito agli onori della cronaca locale

  27. badgi dicono:

    A Bari c’era un paio di anni fa’ uno che inneggiava ad Omero….

  28. badgi dicono:

    Hej X§, dov’e’ la colonna sonora? (Antipathy for the devil?)

  29. utente anonimo dicono:

    Allora non sono l’unico che da anni si pone l’interrogativo di chi diavolo (!) sia che scarabocchia insulti all’Angelo decaduto. In certi momenti credevo di vederi solo io.

    diavolo e governo ladro

  30. kaktus dicono:

    mmm, mi sa che il Lucifero in questione è uno sbarbato quindicenne brufoloso che ha lasciato un’adolescente Amèlie, la quale si sta vendicando a suo modo…

  31. ipotesi romantica ma poco convincente (e baal? e belzebù? sono altri suoi ex?)

  32. orsodingo dicono:

    io un sospetto ce l’ho: gianni baget bozzo completamente sbronzo

  33. lofoten dicono:

    Mia nipote Eleonora lavora a Milano e mi ha detto che l’altra sera è uscita con un certo Pino che gli ha detto che scrive per Famiglia Cristiana. Mi vien sospetto…

  34. brule dicono:

    Lucifero ribaldo

    lucifero briccone

    lucifero trishto

    e lucifero guashtatore e vacch’ !

  35. utente anonimo dicono:

    Tempo fa è uscito uno di quei libricini distribuiti gratuitamente nelle fermate della metropolitana che parlava proprio della caccia a questo “scrittore” infaticabile. Il protagonista, un fotografo, racconta di averlo incontrato e ne ha raccolto la storia. Ne ricordo solo pochi frammenti, se lo recupero meglio vi posto il link.

  36. utente anonimo dicono:

    Eccolo, ripescato. Lo trovate qui:

    http://www.subway-letteratura.org/2004/racconto_1.html

    Date un’occhiata alle foto delel scritte così sappiamo se parliamo dello stesso grafomane.

    Francesco

  37. DevilsTrainers dicono:

    so chi sono! si chiamano Fabiotar e Stefano2005, e infestano il mio blog con asserzioni intollerabilmente bigotte e puerili… (V post La solita cattiva e l’insolita nuova)

    Peter

  38. utente anonimo dicono:

    Capisco che il personaggio non sia altrettanto interessante e che di norma non sfoggi la mirabile sintesi di luciferoinfame, ma qualcuno ha mai visto in giro per Roma i graffiti del catastrofista? Alludo a un tipo che scrive anche lui principalmente a pennarello (nero, ma anche verde e rosso), che di norma non si limita a semplici accostamenti nome-insulto ma spazia, con questa calligrafia spigolosa e illeggibile, per il corrispondente di intere cartelle di dattiloscritto, che esprime considerazioni terrificanti sullo stato e il futuro del mondo e che spesso dedica a politici (preferibilmente ma non esclusivamente di destra) insulti e commenti pesanti su loro vere o presunte esecrande azioni. Ce l’ha anche con le gerarchie cattoliche e non manca di pubblicare sulla statua del Pasquino (direttamente sul muro, non sugli appositi foglietti). E non solo non ho mai capito chi diavolo sia, ma soprattutto non ho mai sentito di altre persone che ci abbiano fatto caso… Sono proprio il solo?

    Stefano

  39. utente anonimo dicono:

    Anni fa a Napoli, un cantante di fame ( non ho sbagliato la finale ), per farsi pubblicità ricoprì la citta di scritte inneggianti a sè stesso. Riuscì anche a farsi intervistare dal giornale. Negò, ovviamente, di essere l’autore delle scritte e le attribuì all’entusiasmo dei suo “fan”. Qualche anno dopo me lo sono ritrovato in banca : si era dato alle truffe con assegni a vuoto. Chissà se anche in quella veste gli avevano dedicato un fan club. Secondo me Lucifero è Satana che sta attraversando una crisi di identità.

    Bruno

  40. xlthlx dicono:

    ehm…avevo scritto anch’io tempo fa dello stesso tizio, ma la penso un po’ diversamente ;)

  41. FulviaLeopardi dicono:

    da queste parti girano solo biglietti inneggianti alla fine del mondo & convertitevi infedeli. Roba che secondo me li spargeva Papa Ratzinger in incognito, quando ancora era cardinale. Probabilmente ci sono anche da voi (fogli bianchi, fotocopiati, scritti per dritto, traverso, avanti, dietro, con pezzi di frasi evidenziati)

  42. Mauoshi dicono:

    ma se non sbaglio han ‘sto sito (ma forse non sono poi nemmeno loro, boh): http://www.milanourbano.com/ vendono magliette, comunque.

    come a dire, marketing pecoreccio e nulla più. rompevano le palle sul forum del Deboscio.

  43. utente anonimo dicono:

    io un paio di anni fa ho assistito a questo incomprensibile gesto creativo.

    poco prima di una lezione di filologia classica. rimasi basito davanti ad un ragazzino che giganteggiava sulla lavagna il suo inconfonbile marchio:

    Lucifero culo

    A.B.

  44. tremori dicono:

    Se leggete la pagina al link del commento #40 mi sa che si conferma la mia “teoria” di cui al commento #1! :-P

  45. sphera dicono:

    È che non possiede un blog, poverino.

  46. utente anonimo dicono:

    Ora comunque è impegnato a New Orleans, almeno a sentire il reverendo Michael Marcavage (che dice: “E’ il castigo di Dio contro la Sodoma e Gomorra che ha spalancato le porte al vizio, ai sodomiti e alla celebrazione del peccato”).

    Al.

  47. utente anonimo dicono:

    la mia amica ilaria dice che si chiama Ermanno e abita a Turro.

    SV

  48. ohibò. ma allora c’è gente che Lo conosce personalmente. raccontate, raccontate. un giorno qualcuno ci farà una tesi di laurea, su ‘sta roba.

    ( Mauoshi: ecco, c’è già ci lucra sopra. però mi pare che questi abbiano solo fotografato l’opera del nostro… c’è pure il font per scrivere come Lui..).

  49. utente anonimo dicono:

    OUT OF TOPIC: ieri non ero più passata a controllare la lista ma oggi si… GRAZIE, stasera staranno tutti in fila sul mulo…

    IN TOPIC (ma sarà così he si dice?): e inoltre questa cosa del grafitomane mi ha fatto incuriosire, appena vengo a milano cerco qualche scritta anche io e la fotografo. qui a roma non mi pare ce ne siano… anche se sui paletti dei guardrail della linea del trenino “laziali-grotte celoni” un folle tempo fa attaccò centinaia di adesivi decorati con scritte pro-chiesa/gesù/papa/dio… ma era una cosa più “raffinata”, magari faccio due foto e le posto!

    frank

  50. dessd dicono:

    anche qui da me va di moda il DIO C’E’….a me nn pare proprio…ma tentè..

  51. utente anonimo dicono:

    milanesi!

    alpeggiononc’èmaifine

  52. paperina77 dicono:

    …me lo sono sempre chiesta in questi anni passeggiando su e giù per le metropolitane se fosse sempre la stessa persona che lasciava qui e là quelle scritte…

    Buon fine settimana! :)

  53. utente anonimo dicono:

    Io abito a Roma, e anche qui c’è una cosa del genere.E’ una signora che riempie muri e cartelloni con frasi senza senso.La mia preferita è:”Tema – svolgimento : vaffanculo”.

    Chiara

  54. utente anonimo dicono:

    Mi piace questo diavolaccio di diavolo

    porco dio porca madonna porca vacca

  55. utente anonimo dicono:

    porco mondo!

  56. utente anonimo dicono:

    eehehe cosa faccio copio e incollo da vera pelandrona il commento al post precedente?

    :-)

    L.R.P.

  57. chevelle dicono:

    ma te lo faranno un servizio sul tg5? già me la vedo la Cesara che dà la notizia:

    “E ora passiamo ad un fenomeno di costume : Personalità Confusa, il Blog più supermegagalattico che ci sia, festeggia il suo milionesimo visitatore. Fan affezionati in festa davanti all’Esselunga di Via Rubattino: indossano la ormai mitica Tshirt e stringono tra le mani

    la sempre più introvabile X§ Unplugged.. ma guardiamo il servizio, di TONY CAPUOZZO”

    E io quel giorno ci voglio essere.

  58. utente anonimo dicono:

    sul sito http://www.milanourbano.com c’e’ la raccolta delle scritte di questa personasetta; ma sono loro?

    vendono le magliette e pare che abbiano discreto successo. Si occupano di guerriglia marketing in maniera alquanto strana.. non ci capisco molto e sinceramente mi sembra piuttosto inutile, ma divertente..

    alcune scritte sono davvero ridicole!

    ciao, Eli

  59. SmileBlog dicono:

    Meglio disegnare delle faccine sorridenti che fanno sorridere la gente. :)

    Smile!

  60. utente anonimo dicono:

    “E allora, parliamone: in città molti lo conoscono e parecchi lo leggono ogni mattina, eppure nessuno lo ha mai visto.”

    potresti essere anche tu…

    akuma

  61. utente anonimo dicono:

    Bel post!

    Comunque spero non si scopra mai l’autore. E’ più divertente così.

  62. charm dicono:

    confuso, sei mitico.

  63. utente anonimo dicono:

    E’ chiaro. E’ il classico contadino delle storielle che ha venduto l’anima al diavolo ed è stato fregato.

    Voleva essere felice per tutta la vita. E il giorno dopo si è svegliato chiamandosi Felice.

  64. utente anonimo dicono:

    Veramente lo stesso personaggio ha scritto altre opere come Allah … e

    Trimurti tre facce da…

    Salvo poi scoprire che in tal modo offendeva l’essenza divina ed era meglio tornare all’originale.

    E poi verso il 2000 ha imbrattato un manifesto della Feltrinelli con una lunga, delirante arringa contro i comunisti.

    Nei secoli futuri le sue opere verranno pubblicate sulle antologie.

    -Gabi Marian-

  65. kush13 dicono:

    Gentile amico,

    anch’io mi interesso da tempo al fenomeno dei messaggi parietali milanesi, con particolare interesse rivolto al medesimo da lei testè descritto. Notai a suo tempo che l’epicentro da cui diramossi la foga amanuense del nostro si situava nella fermata della MM di Conciliazione: ivi comparvero le prime scritte.

    Ossequi,

  66. utente anonimo dicono:

    Pennarello nero su plexyglass, calligrafia infantile. Speravo che questo post saziasse la mia curiosità.

  67. utente anonimo dicono:

    ma già che sei contro il markenting, virale o tradizionale che sia, com’è che poi vendi le magliette di “peronalità confusa” e pure il bookblog?! nn ti sembra un po’ contraddittorio?!

  68. utente anonimo dicono:

    Una cosa è certa, milano è diventata una pattumiera… fra cose e persone/personaggi. E queste scritte su muri o cartelloni o dovecavolosipuòscrivereioscrivo è una cosa orripilante. Che schifo di città sta diventando… scappiamo!

  69. fuocodirugiada dicono:

    forse mi ricordo male, ma mi sembra di aver visto una specie di dialogo a colpi di insulti a Lanza…

  70. utente anonimo dicono:

    Mi soono accorta solo ora che si potesse commentare anche da fuori! :D favoloso, lo si nominava andando in giro per milano e trovandolo sempre… non ero la sola a notarlo eheh!!! complimenti al blog!!!

    sara

  71. ste dicono:

    dicembre 2012
    7 anni dopo questo post
    14 anni da quando qualcuno ha iniziato a fotografare le scritte
    Stessa grafia
    MM Lanza:
    “DIAVOLO: FINTO TONTO=CULO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *