O MAMMA

E quando sei lì, succede quella cosa là, puntuale e inattesa come un dispetto soprannaturale, forse un segno, e tu pensi: " O mamma…"

E quando – l’ho già detto altrove – e quando la giornata è finita, sei in pigiama e vai in bagno a lavarti i denti. E allora prendi il tubetto, lo spremi e lasci scivolare la strisciolina di pasta in equilibrio sulle setole dello spazzolino. Poi come sempre, per ammorbidirlo, passi lo spazzolino sotto lo scroscio del rubinetto. E a quel punto l’acqua, zam, si porta via la strisciolina di dentifricio, e la fa cadere sul fondo del lavandino.
O mamma…

E soprattutto. Soprattutto quando di mattina presto ancora assonnato e in pigiama fai colazione da solo in cucina. E inzuppi il biscotto nel caffellatte. Ciuff ciuff. E a quel punto il biscotto immerso si spezza in due, a te ne resta in mano la metà asciutta mentre quella bagnata affoga nella bevanda calda. E allora tu cerchi disperatamente di recuperarla col cucchiaino, quella metà, ma intanto lei ti sfugge, l’hai quasi tirata fuori ma lei molle si tuffa di nuova nella tazza e si spatascia, perde tutta la sua solidità. E si dissolve.
O mamma…

61 Comments
  1. utente anonimo

    e quando temperi la matita, finchè non diventa appuntita come una spada, ti accingi a scrivere e la mina si accascia sul foglio, abbandonando il resto lasciandoti con un bastoncino monco, la ri-temperi e si riaccascia…omamma

    mariasole

  2. nikink

    …e quando scrivi un post figo, e poi arriva il solito pistino e ne puntualizza l’ispirazione… o mamma…

    P.S.

    Qualcuno doveva ben dirlo, al popolo blog, che stai omaggiando l’immenso Gaber 😉

  3. Abboriggeno

    Molto carino il post sulle piccole cose di tutti i giorni!…

    pero’ resto dell’idea che ti fai troppe canne…

    😉

  4. cofano

    In genere, quando cade il pezzo di biscotto, a me capita che si alza uno tsunami di caffelatte che mi macchia la camicia.

  5. dudcheque

    la vita, a volte, sa essere veramente cinica e bara.

  6. maelst0rm

    Mi succedevano le stesse cose, ma col dentifricio ho imparato che devi prima strizzare bene gli occhi prima del tubetto, spalancarli quei due tre millimetri che servono giusto giusto per centrare lo spazzolino e infilarlo perfettamente perpendicolare al getto.

    Col biscotto ho fatto uno studio preliminare sul tempo di assorbimento del liquido nella materia del frollino, cosi’ non si spezza. Ci si potrebbe fare una blogstatistica per “modello”.

    Altrimenti adottare il sistema di mio padre: lanciare una decina di biscotti nella tazza in una volta sola, di modo che, con la classica sensazione come di…assorbimento, diventi uno zuppone unico, e papparsi il tutto (è anche più rapido…).

  7. utente anonimo

    dipende dalla consistenza del biscotto (provate le gocciole!! con loro ‘ste cose mica capitano).

    e non bagno il dentifricio sullo spazzolino per ammorbidirlo: che sia un problema?

  8. utente anonimo

    Con le “Campagnole” del Mulino Bianco non succede. Poi ho scoperto, leggendo sulla confezione l’apposita tabellina colorata, che ciascun biscotto ha 80 calorie. Allora sono passata alle fette biscottate e anche queste non si spezzano. Però preferivo le Campagnole…

    Gattasorniona

  9. duenovembre

    quando pucci il condimento dei pomodori…e si stacca il pezzo di pane zuppo e con il clamoroso PLAFF ti ritrovi Oronzo in fase di posso ungervi tutto il 2005…

    mica cazzi!

  10. Franfiorini

    Ecco, invece le Macine sono a fregatura, a volte si spezzano e a volte no.

    Cmq dipende molto dalla temperatura del latte..

  11. utente anonimo

    preferisco il frullato di plasmonn

    (ma si scrive così?)

    col latte bollente.

    di notte però.

    quando torni da chissà dove e hai bisogno di infanzia…

    è una meraviglia,

    ma mi scotto sempre la lingua…

    amore primaverile

    (oggi è primavera),

    dita von teese.

  12. Sincopalindromo

    mi piace molto questo blog, la tua “pazzia” mi fa sentire, oltre che a casa mia, a casa di Gaber… oh mamma!

    e quando (accaduta) partiti per un lungo viaggio nelle terre del nord europa dopo tre faticosi ed estenuanti giorni di guida lei sobbalza e fa “il latte! l’avevo lasciato al fuoco!” oh mamma!

  13. sphera

    Il fatto che non si dica “O papà” la dice lunga sulla possibile utilità di questi ultimi nelle situazioni problematiche.

  14. utente anonimo

    e quando con volo radente vai a sbattere contro una funivia di sciatori

    O mamma

    e quando all’aeroporto spari ad un giornalista del manifesto

    O mamma

  15. giorgia_v

    al commento di sphera

    il verso s’inchina

    e il folletto, pure,

    si leva il cappello! 🙂

    poetafolletto

  16. utente anonimo

    pensavo lei dicesse: o figieu

  17. cloee

    e quando sei in bagno e solo dopo che hai fatto quello che dovevi fare ti accorgi del rotolo della carta igienica nudo che ti sorride…

    oh mamma…

  18. Effe

    E nessuno mai che pensi ai figli di NN

  19. Potamina

    E quando cerchi le cose perennemente DIETRO e ti cadono tutte quelle davanti (fialette dei medicinali costosissime comprese)?

    O mamma!! :/

  20. utente anonimo

    L’equazione del rapporto fra gradiente termico del caffelatte e punto di rottura del biscotto è un noto corollario alla Legge di Murphy.

    Z

  21. elvius86

    E QUANDO GIOCHI A RISIKO,QUANDO IL TUO AVVERSARIO FA 1+1+1 E A TE(CHE TI SONO RIMASTI SOLO 3 CARRI ARMATINI)BASTEREBBE FARE UN 2,E INVECE VEDI I TUOI DADI ROTOLARE,ROTOLARE …1…..+1…..+1… O MAMMA.

  22. utente anonimo

    oh, santa borsetta!

    questo mi piace di più, da dire.

    dita.

  23. Lucea

    questi sì che sono i veri problemi della vita :annuisce:

  24. utente anonimo

    vabbè…te compri i biscotti di una certa qualità… compra quelli del discount e vedi che non si spezza…(lo si potrebbe usare anche come martelletto)

    stone

  25. tremori

    Col pane vecchio di 7 giorni non accade, ma accade che il latte sparisca nel pane il quale, come elemento puntiforme di massa infinita, comincia ad inghittire la tazza, il tavolo, la sedia, la cucina, l’isolato… rimaniamo soli ad osservare il vuoto e a maledire il momento in cui volemmo risparmiare sui biscotti di buona qualità… ma poi ci accorgiamo che, tutto sommato, basta non rompere gli occhiali e si può sopravvivere…

  26. Q.lla

    Cazzo, è pieno di MulinoBianco-dipendenti. O mamma.

  27. sapphire2

    e quando ti metti davanti al tuo computer e ti ritrovi a leggere un post cos

  28. roses

    perchè il latte caldo fa cagare e il biiscotto preferisce morire affogando in quello schifo.

    ecco perchè.

  29. Abboriggeno

    r = α (1/T + 1 / t²) K

    r = resistenza a taglio del biscotto

    k = costante di riferimento dipendente da Marca, Peso specifico del biscotto

    alpha = angolo di immersione del biscotto ripsetto al piano orizzontale

    T = tempo di emmersione

    t = temperatura del latte o del liquido in questione

  30. Abboriggeno

    [scusa gli errori di battitura, ma mentre scrivevo mi ero bagnato col cappuccino per riprendere il biscotto caduto…]

    😉

  31. brule

    E quando sei lì,tutto gasato,con la di lei in estasi e stai per infilarti il cappuccio ed il penis si smoscia inesorabile…o minchia…

  32. Petarda

    … alcuni però dissimulano con: ziofanale :-[

  33. personalitaconfusa

    e comunque, caro direttore marketing della barilla, i rigoli dovete farli più resistenti, anche stamattina a casa mia uno di loro è perito per annegamento, povera creatura, mi è rimasto in mano solo l’angolino.

  34. utente anonimo

    …quando stai cambiando lavoro, un momento vedi tutti i buoni motivi per cui lo fai e un momento dopo vedi tutti i buoni motivi per restare. O mamma mia!

  35. Petarda

    alcuni torinesi usano così. per quanto mi riguarda – se proprio devo – preferisco ascoltare imprecazioni avanguardiste, come *iotopo. tenerissimo, oltre che panteista. squit.

  36. chiarulli

    o mamma sotto la doccia con lo shampoo colato negli occhi e qualcuno apre l’acqua fredda

    o mamma

  37. lofoten

    E bastaaaa co sto mammaaaa!!! E’ ora di finirla di invocarci sempre nel momento del bisogno! Chiedo asilo politico al Mulino Bianco e alla Palmolive!

    p.s. inoltro anche una denuncia al codacons

    Una Mamma

  38. Petarda

    … mentre nel resto del piemonte è abbastanza diffusa l’esclamazione: USSIGNUR!!!

  39. ciampaglia

    sei proprio un ragazzo educato devo dire. ecco perche’ sei amico del papa. a me scappano altre paroline in casi simili… 🙂 g.

  40. utente anonimo

    del papa di prima, mi pare!

    alpeggiononc’èmaifine

  41. tt

    o mamma….

    Gaber, eh?

  42. Pasionaria

    anche io ho riconosciuto Gaber. Mi piace moltissimo il tuo blog.

  43. tt

    beh, è proprio un affettuoso omaggio.

  44. Centenia

    Come sai dire bene le cose banali te non lo fa nessuno

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *