Idea per la sceneggiatura di un film grottesco sugli amerindi

Personaggi:

a. L’Eroe – Capo di una tribù di amerindi dediti al culto dei dolciumi confezionati.
b. Il Cattivo – Conquistador barbuto di etnia caucasica. Rappresenta la razza bianca prevaricatrice sui poveri aborigeni innocenti, cioè
c. Le plebi indigene – Sudditi di a., forse analfabeti, non combinano una cippa da mane a sera eppure vivono felici.

Trama:

Continente americano, secoli fa. Un gruppo di indigeni con ancora le piume in testa. Codesti selvaggi vivono sereni e in pace,  ridono (forse son drogati) e pasteggiano tutti assieme su un bel praticello. Dietro i cespugli, il crudele uomo bianco li spia. Egli è
peloso. Ed è armato.  Decide di aggredire la tribù al fine di sottrarle risorse alimentari. I nativi avvertono la presenza dell’invasore e fuggono spaventati urlando. Solo il loro impavido leader sfida il nemico.

Il capo indigeno, infatti, mette in atto un tranello: posiziona in mezzo al prato un colossale
Pan di Spagna, una tortona da un quintale (non è dato sapere dove si sia procurato questo bene); poi abbandona la scena.

Giunge l’uomo bianco. Grida, esulta, spara in aria. Osserva l’immenso Pan di Spagna abbandonato: esso è tanto grande che lui ci può montar sopra in piedi. Poi prende a leccarlo.

Il leader indio, appostato nella boscaglia, aziona un comando a distanza.

Solo a questo punto lo spettatore capisce che il dispositivo è collegato col dolce, nel cui impasto, prima della cottura era stato celato un ordigno, rudimentale ma funzionante, una bomba insomma.

Deflagrazione, fiamme: l’uomo bianco non ne muore ma è gravemente ferito e quindi
inoffensivo. E quindi, scappa. Gli indigeni festeggiano mentre il loro capo pellerossa spiega
loro, in versi, la morale della bizzarra vicenda. Fine.

Soggetto:

il film è apertamente ispirato alla vecchia pubblicità a fumetti della Girella Motta con protagonisti Toro Farcito (il Bene) e il Golosastro (il Male).

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

60 Responses to Idea per la sceneggiatura di un film grottesco sugli amerindi

  1. utente anonimo dicono:

    primo!

  2. Franfiorini dicono:

    In questo caso più dessert che primo..

  3. crino dicono:

    questo blog merita di essere aggiunto ai preferiti!!!

    ma dove ho navigato fino adesso???

    saludos

  4. mu dicono:

    “la morale è sempre quella, fai merenda con…ortofio.”

    (per anni una scritta su via di torre rossa a roma recitava così…)

  5. utente anonimo dicono:

    glabri, con una b sola

  6. utente anonimo dicono:

    cos’è l’ortofio ?

  7. jorma dicono:

    Se srotoli una girella scoprirai che misura esattemente un 720milionesimo dell’equatore terrestre…son misteri.

  8. per non parlare dei crop circle a forma di girella e della grande girella nazca datata 200 a. C.

  9. utente anonimo dicono:

    che buona la girella! ora vado a comprarmene un pacchetto….

  10. Marcellus dicono:

    Pan di Spagna imbevuto in colester-tritolo ad alta “levitazione” e batteriologicamente testato affinché emetta radiazioni agli acidi urici… L’uomo bianco può così allargarsi e volare via sbattendo i piedoni gottosi…

  11. lotrovassi dicono:

    Lei è in un bel guaio: causa lettura del post, ho ingerito quattro girelle. Trattasi adunque di pubblicità occulta subliminare. Poi avviso il Moige per l’ortofio.

  12. Guardi che nella girella ci sono gli OGM. Attento.

  13. dudcheque dicono:

    NONNA: non mangiare quelle schifezze. aspetta che ti preparo un panino col salame.

    IO: ma nonna, io preferisco la girella.

    NONNA: non rompere i coglioni e mangia ‘sto panino del cazzo, esen!

    IO:vabbe nonna, ma mettici molto salame.

  14. utente anonimo dicono:

    sei adorabile….aaaahhhhhh!

    ali

  15. Marcellus dicono:

    Ma Lei scrive baciato da Dio? Ha scelto pure le modalità “Mexico” e “China”? Ed al termine del contratto sarà cherubino? Ah, quanti interrogativi che chiedon risposta! Per capire faccia un salto da me se vuole, se non vuole continui a far capriole qui…

  16. Marcellus, scusi stavolta proprio non la capisco – e comunque, accorro.

  17. DUDC..: come darle a torto (alla signora)

  18. utente anonimo dicono:

    dacci oggi il ns. pane quotidiano…

  19. PabloOffline dicono:

    ….la morale però ha un che di eretico…

  20. utente anonimo dicono:

    la morale è sempre quella

    fai merenda con girella

    aaa che tempi, che tempi che erano!

  21. boinz dicono:

    Da qualche parte devo avere ancora i Topolino con la reclame (con nitidissime impronte – però – di nutella).

  22. PabloOffline dicono:

    chissà perchè la girella non è più un prodotto al top….eppure una buona campagna di restyling…una confezione bianca e l’infilata nel banco del fresco…

  23. era quello che pensavo anche io fino a pochi minuti fa, quando via email mi hanno segnalato questo

  24. Potamina dicono:

    ..noooo..

    .. bbbone le girelle.. Io ho il goniometroo e voi no ooo.. :D

    ..ma che fine hanno fatto le barzellette sul Cucciolone?

  25. …come vorrei poter accorrere al fianco del Golosastro e radere al suolo (con conseguente spargimento di sale..) il villaggio di Toro Farcito…

  26. cmq nella versione cinematografica il ruolo del golosastro lo darei a klaus kinski, se fosse vivo. Toro Farcito non so, ci vorrebbe un attore pellerossa. Boh.

  27. larvotto dicono:

    Le girelle hanno cambiato sapore.

    la morale è sempre quella….

  28. Boddhale dicono:

    ho letto il tuo racconto in “La notte dei blogger”….volevo solo dirti che è uno di quelli che mi è piaciuto di più!!

  29. utente anonimo dicono:

    E dove la fanno questa festa bambina??? datemi l’indirizzo…

    wellina

  30. kiarablog dicono:

    ti sei dimenticato di me:-( non mi degni di un click. sigh

  31. utente anonimo dicono:

    beh in effetti come storia era un po’ controcorrente per i tempi, col cowboy cattivo e gli indiani buoni.

    la girella però era cattivissima, per come la ricordo io, ma era la prima merendina griffata e pubblicizzata durante Candy e Jig, penso ci piacesse solo per quello.

    il ruolo di toro farcito potrebbe essere dato a tom hanks o a uno a scelta tra gli amichetti di mariadefilippi, non credo cambierebbe molto…

  32. PabloOffline dicono:

    io difendo a spada tratta il girellone, mi piaceva da impazzire…anche se effettivamente non è che c’era molta scelta!!

  33. medo dicono:

    AMERINDI!!! Sììììì!

  34. BLOGgatoMENTAle dicono:

    Minchia se son giovane… mai visti questi spot in vita mia… quand’ero piccolo io ormai imperversavano Kinder-Fettallatte e kinderpinguì e il cucciolone iniziava a sparire dalla tivù contemporaneamente alle avvisaglie del declino dei gelati eldorado, con successiva annessione alla algida… I vostri erano aòtri tempi…

  35. LaLimpia dicono:

    Aaaaah la Girella!!! Che ricordi…

    Buona domenica Confuso!! Mi sto ascoltando a palla i Subsonica, te li consiglio per cominciare bene la giornata!

    Bacioni

  36. stone dicono:

    eh… se ci pensi però quelle popolazioni praticavano tanti riti barbari tipo i sacrifici delle giovani vergini ecc. … per fortuna poi siamo arrivati noi e abbiamo messo fine a tutto ciò sterminandoli tutti

  37. humoresque dicono:

    la girella… toro farcito… quanti bei ricordi… ma mi chiedo… ai tempi dei nativi, quelli veri.. insomma prima dei casinò… con cosa facevano merenda i piccini? (non vale rispondere pane e gazzella)

  38. reginadelsole dicono:

    maremmina, mi fai pensare a Omero, che il cavallo poteva farlo fare di pan di spagna al volposo Odisseo che poi una strage intelligente è sempre anche un po’ dolce..

  39. sì, anche se ho il dubbio che il cacao in epoca minoica fosse ancora sconosciuto agli indoeuropei

  40. utente anonimo dicono:

    e sticazzi!

    (traduzione: ma scendessero un filo dal piedistallo ‘sti lettoroni che c’hai, confuso)

  41. Formicatomica dicono:

    Nooo…. non vale!!! Pensavo di essermi disintossicata con una cura di fette biscottate integrali… e ora sono in piena astinenza da merendine scomparse: Girella / Tegolini / Soldini (quelli con la monetina di cioccolato sopra) / Urrà! v! Ne sento il dolce sapore che mi si scioglie in bocca!!!

    Mi sento famelica e vecchia…

  42. reginadelsole dicono:

    ai tempi d’omero nemmeno la spagna con i suoi strani pani esisteva…quereliamo la Motta per ritardi cosmici che rovinarono l?iliade forsanche più di Brad Pitt…

  43. neparliamoacena dicono:

    Madò che ricordi…

  44. selvadego dicono:

    Questo è l’anno buono che ti si vede a Zelig?

  45. no, però se va avanti così forse mi prendono a quel programma, – come si chiama? – quello dove intervistano i clochard.

  46. ilbrianza dicono:

    sarà ora di trovarti un lavoro vero!

  47. utente anonimo dicono:

    Personalità, le chiedo ufficialmente la mano.

    Mi faccia sapere il come dove e quando e io ci sarò

  48. ilbrianza dicono:

    perlatro io le girelle le farei al gusto di verzata

  49. noantri dicono:

    Della pubblicità che si vede adesso in tv, quella di una marca di automobili, ambientata nel manicomio con il tipo che fa rimbalzare la pallina, quell’altro che si crede napoleone, quello che fa saltelli perpetuamente, eccetera, ecco tu quale sei?

    [Ste]

  50. Marcellus dicono:

    Personalità, le chiedo ufficiosamente il piede… però prima se lo lavi perché sennò puzza…

  51. utente anonimo dicono:

    Ostia! Ma eravamo così celebrolesi ai tempi che furono? A me quella pubblicità PIACEVA!

    Zy Myri

  52. utente anonimo dicono:

    nessuno ha nominato il Tin-Tin (e i “tin-tin ager”) … mi sento matusalemme!

  53. per chi vuole mani o piedi: ci vediamo domattina alle 7 in p.zza s. pietro 1, 00100 roma (italy).

  54. utente anonimo dicono:

    Marcellus, a Pepe’ (si fa chiamare così nei momenti particolari) nn puzzano i piedi!!!

  55. utente anonimo dicono:

    Confuso: in questo amarcord della merendina mi era venuta in mente quella della mia generazione (che nel ’68 faceva la prima elementare), e cioé il Tin-Tin che ti faceva vincere la bicicletta con la radio, e che puoi trovare qui http://www.animamia.net/JANIMA_CONTENTS/JANIMA_CIBO/JANIMA_CIBO.HTML#tintinager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *