Dialogo sul digital divide

Pronto?
– Ciao
– Ciao, papà, dimmi.
– Senti, potresti venire qui un momento?
– Veramente sarei a tavola. A casa di amici. Che succede?
– Guarda, è davvero urgente, dovresti proprio venire qui.
– Adesso?
– Sì, immediatamente.
–  Che succede? Ti senti male?
– No, no, io sto benissimo, ma è che…
– Puoi dirmi il motivo per favore? Che cosa c’è?
– E’ che non riusciamo a far partire il lettore di dvd.

***

– Mmm… pronto, ma chi caz…
– Ciao, scusa, stavi dormendo?
– Ciao, papà. Figurati, alle sette di domenica mattina. Sono in piedi da diverse ore.
– Senti, vestiti, mettiti qualcosa addosso, prendi la macchina e corri qui da noi, è successo un casino.
– Ommaddonna, che c’è?
– Devi assolutamente venire, un vero disastro, sbrigati!
– Non puoi anticiparmi qualcosa?
– Una tragedia, una tragedia!
– Cioè?
– Il mio computer. Si è rotto.
– Ah, è caduto per terra?
– No, però dà dei messaggi strani, non riesco a capire…
– Quali messaggi?
– Non lo so, ora lo schermo è buio.
E prima che diventasse buio, tu cosa ci stavi facendo?
– Ma niente, lo stavo ripulendo.
– Dalla polvere?
– Ma no. Dai file.
– Come sarebbe a dire?
– Poco fa vedevo che andava lento, troppo lento, allora ho pensato che bisognasse liberare un po’ di spazio. Ho trovato questa cartella, Windows mi pare, o qualcosa del genere, e dentro c’erano un sacco di file enormi che io non ho mai usato, e..
– E poi?
– Ma nulla, ne ho cancellato alcuni.
– Quali, per l’amor di dio, quali???
– Non lo so, non lo so! Parecchi. Apparivano dei messaggi strani, tipo “Ma sei proprio sicuro di voler cancellare questo file? Sicuro sicuro sicuro?”, e insisteva, ‘sto cretino! Continuava a chiedermi se fossi sicuro, ma io ho cliccato su “Occhei” lo stesso. Però, dopo…

***

– Pronto?
– Ciao, senti…
– Ueilà! Papà! Ma che sorpresa.
– Ciao, senti, mi spiace ma dovresti venir qui da noi. Subito.
– Ancora?
– Stavolta è una cosa seria. Avanti, spicciati.
– Aspetta, tiro a indovinare: il cellullare. La televisione. La sveglia. Il tostapane.
– Ma no, quanto sei scemo. Dai, corri, è importante, corri!
– Ma devo portare un medico?
– No, no. Però… lo stereo…
– Cosa?
– Boh, non suona… Come mai?

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

65 Responses to Dialogo sul digital divide

  1. fboss dicono:

    bellissimo…anche i miei spesso ricorrono a me per la tecnologia… Mia madre è esagerata… Mi chiede sempre come si blocca la tastiera… In una cosa però devo chiedere io ai miei… Siccome abbiamo il lettore dvd solo da un mesetto e io lavoro solo da un mesetto non sono ancora riuscito a ricordarmi certe cose… Con enorme vergogna devo chiedere a mia madre ormai padrona del dvd… Altra chicca di mia madre: quando le piace una canzone chiede a me di farle il cd con solo quella traccia lì… Ormai ho fatto negli anni almeno 4-5 cd monotraccia

  2. blogmarley dicono:

    non ti scandalizzare.in fondo è tuo padre.
    lavoro in un call center di una multinazionale di pc: l’altro giorno mi ha chiamato un architetto dicendo che il suo pc dopo 5 minuti che era acceso diventava nero profetizzando un guasto alla scheda video… e invece era lo screensaver che partiva!!!!
    Sabry

  3. fboss dicono:

    per blocca la tastiera intendevo quella del cellulare… anche se non mi stupirei se mi chiedesse di bloccare altre tastiere…

  4. sphera dicono:

    “Si è rotto il computer” “Come, rotto?” “Non vuole più far partire il word… e mi dice delle cose… senti ma non è che si è mangiato tutte le mie poesie?”Non sono sicura che mio padre non pensi che sia in qualche modo vivo, il computer.

  5. Camil dicono:

    Non c’è che dire…quando ci si mettono i genitori con la tecnologia sono davvero notevoli, eheh!!! =)

  6. distratto dicono:

    Per tutti voi (noi) suggerirei questo link, anche se magari loconoscete già:
    http://www.thinkgeek.com/tshirts/generic/6692/

    Ciao

  7. PhantomLord dicono:

    il fatto è che tra dieci quindici anni le figuracce le faremo noi…perlomeno io….

  8. chickcorea dicono:

    Mia madre ha scoperto il cellulare da due mesi, e da allora mi manda regolarmente l’SMS di Buongiorno e di Buonanotte…che faccio, la abbatto?

  9. utente anonimo dicono:

    mia madre, da personcina ammodo quale è, trova sconveniente “fare doppio clic” troppo velocemente e lo fa sempre immancabilmente come lo farebbe greta garbo………non è mai riuscita ad aprire alcunché

  10. Effe dicono:

    d’accordo, e allora ci provi lei a far funzionare un grammofono

  11. fboss dicono:

    mia madre abitualmente esce con sta frase:”Ma se mi chiamano pago anch’io?”

  12. giarina dicono:

    ho capito…questa è una congiura….avete tutti parlato col ragazzone…non si fa così!

  13. ragazzone? e chi è?

  14. comprendo, perchè mi capita abitualmente. quando c’è questo imbarazzante scambio di ruoli con mio padre, che mi chiede assistenza telefonica per il pc, mi rifaccio chiedendogli lumi su vertiginosi interrogativi filosofici. per rientrare nei ruoli.

  15. badgi dicono:

    L’IT e’ genetica….

  16. spad dicono:

    bellissimo (e sentitissimo) post, con una frase illuminante: l’ultima!!.. (i genitori che tornano agli infantili “perche’?”..)

  17. sanmax dicono:

    Antefatto: mia madre chiamo’ un tecnico della tv. le costo’ 150.000 lire (anno 1990) perche’ voleva far funzionare un mio apparecchio che avevo lasciato da lei, era giapponese.
    “Allora mi vuol dire perche’ non si vede niente?”
    “Cara signora, non vede le immagini di questo televisore perche’ e’ una radio”.

  18. Exteban dicono:

    allora non mi lamento: il mio ha 70 anni e le uniche cose di cui discutiamo a livello informatico sono le composizioni dei menu dei dvd che mi propina a ritmi bisetttimanali. Ha questo orrendo vizio di fare i dvd di ogni minima ripresa che fa, e sopratutto li tratta come se fossero dei kolossal. Dovrebbero vietare la tecnologia agli over 60.

  19. giarina dicono:

    il ragazzone è mio figlio-ed è anche uno spione…cmq
    ancora 10 anni e poi darò dei punti a tutti voi

  20. utente anonimo dicono:

    Oltre ai genitori, immancabilmente retrogradi per tutto ciò che è tecnologico, ci sono anche i colleghi, purtroppo! Io ne ho uno, che, nonostante siano ormai anni che utilizza il pc per lavoro, si ostina ad abbassare dalla lineetta il programma che non vuole più utilizzare ed alzarne un’altro dalla barra di start! Non capisco perchè lo rincuori così tanto vedere l’orrendo blu del desktop ogni volta! Per non parlare di un altro, che sta in una stanza lontanissima dalla mia, che ogni tanto mi chiama e dice “senti, scusa, la stampante non stampa più… cosa è successo?” eccheccazz ne so io??? …ma c’è la carta? “ah, si, hai ragione, manca la carta, grazie!”. Anche queste son cose….

  21. ilTigro dicono:

    Mia madre semplicemente non accende nulla, sta in silenzio in casa da sola piuttosto che accendere la radio o mettere su un cd. Motivazione “ho paura di rompere qualcosa, o di cancellare roba importante”… alla radio?

  22. lasgrigua dicono:

    sono semplicemente terrorizzata dall’idea che nella casa dove ci trasferiremo il pc sarà a portata dei genitori.che vogliono ASSOLUTAMENTE usarlo.
    “per fare cosa?”
    “cosa te ne frega”
    “mamma non riesci a utilizzare la rubrica del cellulare”
    “ingrata..io a camminare ti ho insegnato senza fare tante storie!!!”

    mi sento colpevole..ci credete?

  23. però digli di non aprire gli allegati alle email che iniziano con un festoso “Hi!”

  24. raganellagialla dicono:

    io sono stata chiamata d’urgenza in ufficio dallamia collega che asseriva che il video del computer si era rotto, sentiva i tumori e nonvedeva niente. Non l’aveva acceso!

  25. utente anonimo dicono:

    Mia madre è andata in pensione e si è iscritta ad un corso di informatica,conquistando la sua patente europea per il computer,che deve sembrarle una cosa veramente figa…poi però si ostina a spegnere il pc dall’interruttore,senza prima disconnettersi,senza prima chiudere la sessione…no,davvero,mi casca sui fondamentali…
    …ma che gli insegnano a ‘sti corsi?

  26. eccomi quà: espertissima di soccorsi telefonici per computer, videoregistratori, segreterie telefoniche etc… per papà e mamme ansiosi, ma modernizzati! Però ho un’arma segreta: sto addestrando i miei figli e spero in un futuro migliore! (Darioooo: senti un po’ nonno che non riesce a togliere gli occhi rossi ad una foto su photoshop… spiegaglielo ancora, dai… tu si che sai parlare coi nonni…):)

  27. utente anonimo dicono:

    allora non sono i miei a essere un VERO CASO DISPERATO! pensa che sullo stereo di casa loro ci stanno attaccate due pagine di istruzioni per farlo funzionare… e dire che lo stereo in questione c’ha almeno 20 anni! non ti dico con i CD del computer… uno strazio. ma per fortuna mal comune mezzo gaudio! in compenso mia nipote, 24 mesi fra tre gioni, già sa far funzionare i dvd di heidi, compreso il menù per la scelta dell’episodio e sa perfettamene quale telecomando usare, in una casa in cui ce ne sono almeno cinque! anche se, devo dire, una volta l’ho beccata che parlava con il telecomando del videoregistratore invece che col telefonino, ma era piccola, aveva solo 18 mesi! frank

  28. utente anonimo dicono:

    no no ma a me davvero non funziona nulla…non potrebbe venire tuo papà ad aiutarmi?

  29. te lo mando subito. attenzione che rischi la cancellazione totale dell’hard disk.

  30. Effe dicono:

    si segnala il tentativo di far girare l’hard disk sul piatto dello stereo (ai tempi del vinile)

  31. Latifah dicono:

    E le radio-sveglie? No, parliamone… perché i vostri genitori hanno a che fare con pc, dvd, cellulari… ma mia madre non riesce nemmeno a domare la radiosveglia.

  32. utente anonimo dicono:

    anche la radiosveglia è una brutta bestia…

  33. chi ti ha insegnato a parlare ….. pensare con la tua testa …….. ? o semplicemente consigliato su come conquistare una ragazza ?? ? non voglio fare storie ….. .. ma un piccolo esame di coscienza,,, ..- forse….. bho …. .. forse hai ragione tu …… ;-) ciaoz

  34. gilgamesh dicono:

    che bello, sono stati cancellati 2 commenti: uno diceva varie cose condivisibili o meno specificando però che mia mamma eserciterebbe una professione molto remunerativa e molto antica: bè, temo che ti sbagli, e comunque ti sego.
    l’altro – anonimo – minacciava non so chè. son cose.

  35. Effe dicono:

    La vedo in forma.

    Per i troll non si preoccupi, basta non dargli da mangiare.

    Se invece le minacce dovessero ripetersi, mi comunichi l’IP minatorio dai referrers, che ho giusto un nuovo StealthDeath Metamorph thailandese da provare.

  36. la Mamma Confusa fa l’idraulico?!

  37. giarina dicono:

    “babbo, dalla spagna ti mando solo sms, prima di partire ti insegno a usarli”… “a me?? ma io sono capacissimo!!!”. “ciao, siamo arrivati a santiago, grande soddisfazione, tempo splendido. come sta la mia nipotina?” risposta: “Saluti.da.coelid.tua.nipote.babbo” EEEHHHH????

  38. io parlo in rappresentanza di tutte le mamme tecnologiche….la nostra è un’avanzata lenta ed inesorabile…fatevi da parte.
    in questo momento sto imparando ad usare il videocell..ma non mi risponde nessuno

  39. Effe dicono:

    non è colpa tua, sarà che il videocell non funziona.

  40. utente anonimo dicono:

    prova ad accenderlo

  41. ciao confusino, si vede che sono tutta sudata? ho appena sconfitto dopo due giorni di dura battaglia il sasser! come soldato jane mi viene da urlare “succhiami il *****, sasser!”
    (potevo scriverlo o non sta bene?)

  42. giarina dicono:

    non so, dipende da cosa succhiava.

  43. neparliamoacena dicono:

    grazie effe accendino o jerryscotti

  44. Ipanema dicono:

    I miei hanno smesso di usare il videoregistratore da quando sono andata via di casa. Mi chiamano per farsi registrare i film e quando glieli porto mi chiedono se, per favore, posso avviarglieli un istante prima di andare via. Non parliamo dello stereo. I cellulari li usano solo per le funzioni base. Mio padre non ha neanche un numero in memoria. Piuttosto prende Ginkoba tutti i giorni.

  45. utente anonimo dicono:

    ehehehe… mica tutti si possono permettere una mamma tecnologica come me…ahahah eh sì, son cose…Ipa

  46. ho notato il Suo intervento riguardante un paio di commenti cancellati. Spezzo una lancia a favore di uno dei commentatori, al di là delle cose cha ha espresso. “figli’e ‘ntrocchia” a napoli identifica una persona scaltra, furba e non altro. con “puttanate” presumo intendesse esprimere un giudizio sul contenuto dei Suoi post (esprimere un giudizio ancorchè negativo spero sia possibile, al di là della correttezza dei termini che una persona vuole usare). piuttosto mi preme farLe osservare, che ho notato un commento dal sapore vagamente mafioso (io che abito in terra di camorra ne subodoro subito il senso) e che lei non ha provveduto nè a commentare nè tantomeno a cancellare. Questo un pò mi dispiace. (mi riferisco naturalmente al commento in cui si minaccia di virulenta ritorsione thailandese) saluti Marco

  47. gilgamesh dicono:

    caro marco, la minaccia mafiosa in thailandese non la trovo ma se lei vorrà gentilmente segnalarmela sarò lieto di valutarne il contenuto.
    Quanto ai commenti su “androcchie”, “puttanate”, ecc…. boh, mi piace pensare che questo blog sia un po’ come una casa, una casa dove tutti possono entrare e far ciò che credono opportuno purchè – purchè – non esagerino con le paroline rivolte al sottoscritto o agli altri ospiti, chè dopotutto questo è un sito personale mica un servizio pubblico. Se poi “figlio di androcchia” non era offensivo ma affettuoso me ne dispiaccio: vuol dire che ho frainteso. D’altronde se si comunica solo per iscritto è facile fraintendere, no? :)
    Voglia gradire i miei sinceri e cordiali saluti.

  48. polimeri dicono:

    Temo che il sig. Marco che chiama da Napoli (zona Fuorigrotta) e alle 17:30 era collegato con connessione dial-up Telecom Italia Net (dall’IP 82.51.85.14), usa Windows 98 e Internet Explorer 6 (e farebbe meglio a usare un firewall decente e uno straccio di antivirus aggiornato) e subito dopo aver scritto qua ha lasciato un commento pure da me (cancellato in quanto stupido e offensivo a insindacabile giudizio del tenutario del blog) manchi completamente del più elementare senso dell’umorismo oltre che di cultura informatica.
    Ma dico, si può prendere sul serio un’offerta palesemente scherzosa come quella sotto? (Sarebbe il mio il commento da lui subodorato come dal sapore vagamente mafioso)

    Oltretutto, lo StealthDeath Metamorph che ho paventato come ritorsione non esiste, nè in versione thailandese nè sud-coreana o del MyanMar (ex Birmania).. e questo dovrebbe bastare a chiarire lo spirito della cosa.

    Però il tono del suo intervento (e del commento lasciato) ha stuzzicato l’hacker che è in me e ogni tanto riaffiora, e vorrei informarlo che sono bastati 4 minuti e una sessione Nmap per trovare svariate vulnerabilità nel suo PC (porta 139 abilitata in netbios-ssn, porta 445 aperta, icfw abilitato sulla porta 1002, addirittura IIS caricato e in ascolto sulla 1025, altre porte spalancate dalla 1720 in H323 alla 5000 in UPnP).

    Del che naturalmente non ho minimamente approfittato, come l’etica impone, mi limito a segnalargli che tra le possibili conseguenze di tanta incuria c’è il rischio di brutti scherzi da remoto, inclusa la formattazione batch del disco fisso con un semplice exploit, mediante la nota vulnerabilità MSRPC… E avvisarlo che su Internet si è molto meno anonimi di quanto si pensa, anche quando non ci si firma.

  49. utente anonimo dicono:

    mia mamma ha dei problemi con il giradischi e non prende nemmeno in considerazione l’ipotesi del videoregistratore, però ieri mi ha annunciato che vorrebbe comprarsi un computer … tempi duri all’orizzonte.
    papà invece ha un cellulare ultrafigo next generation full optional cameraphone comprato perchè di dimensioni ridotte e quindi agilmente trasportabile (va da sè dimensioni ridotte inversamente proporzionali al prezzo). però… non si capisce come mai periodicamente zittisce la soneria poi non sa come riattivarla. Risultato decine di telefonate non risposte. totale irreperibilità. crisi familiari.
    … a propostito data la esplosiva miscela fra attitudine all’approfondimento ed infantile entusiasmo per la novità che caratterizza mio papà , prima che il suddetto cellulare full optional facesse anche una sola chiamata ho dovuto leggere con lui due, e dico due, volte il manuale di istruzioni da capo a piedi…e questo si che meriterebbe un premio (oltre che un post dedicato… se mi posso permettere un suggerimento!)

  50. il mouse, naturalmente

  51. gilgamesh dicono:

    polimeri: ok, grazie del suggerimento:)
    gilga: ohibò. ma davvero?

  52. giarina dicono:

    Purtroppo si, cose che capitano ai vivi.

    Però sono abbastanza contento del mio autocontrollo.

  53. gilgamesh dicono:

    gilga come ti invidio…mi insegni come si fa???
    hai una tastiera speciale?????????

  54. burmashave dicono:

    No, Giarina, è il risultato di una giovinezza passata su AltosHH, Mc-Link, TheWell e altri postacci simili mentre gli altri giocavano a pallone, ed aver imparato dai migliori, smanettando qua e là, da Dos a Unix a Linux.
    Però determinate cosette, tipo l’uso di un PortScan si possono insegnare abbastanza facilmente, a patto che chi impara non abbia brutte intenzioni (quanti lamers m’è capitato d’incontrare, da allora ad oggi):
    ho ancora una copia funzionante di S.A.T.A.N., da qualche parte.

  55. ho scoperto una cosa strana. sono tuo padre. ci vediamo per il cenone di natale.

  56. utente anonimo dicono:

    Ci sarò!

  57. utente anonimo dicono:

    ….ma allora i genitori sono tutti uguali. :-)

  58. gilgamesh dicono:

    esterrefatto! che io “…manchi completamente del più elementare senso dell’umorismo” posso accettarlo signor gilgamesh, ma lei non mi sembra da meno. La mia non era altra che ironia, forse troppo pungente, ma ironia.
    Sul resto, non ho potuto che prendere atto delle sue parole e rendere edotti, seppur informalmente, gli agenti della polizia postale ed indirettamente il Garante della privacy.
    Navigo da sei anni (senza mai dar fastidio ad alcuno)e non mi è mai successo nulla, e non vorrei iniziare proprio adesso ad avere problemi.
    Per quanto riguarda l’ignoranza informatica, lo ammetto, da piccolo mi son fatto milionate di sanissime partite a pallone e da giovincello ho intrapreso altri interessanti sport. Adesso che son avvocato mi sbizzarisco nella mia pratica forense e, sì lo ammetto… ferrato in giurisprudenza ma ignorantissimo in informatica.
    Distinti saluti, marco.
    ps mi scusi personalità confusa se ho approfittato del suo spazio e per quanto mi riguarda l’equivoco può dirsi chiarito e concluso qui. di nuovo, marco

  59. utente anonimo dicono:

    Solo una chiosa: dare a qualcuno che non si conosce, oltretutto in forma anonima, del “mafioseddu piccireddu piccireddu” non mi pare tanto ironia pungente quanto insulto becero.

    A disposizione per qualsiasi chiarimento, aggiungo solo che per motivi professionali con la Polizia Postale ho a che fare spesso, essendo loro consulente e perito del tribunale proprio in tema di sicurezza informatica, e tutte le informazioni rilevate sono di tipo “Push”, riscontrabili con una scansione passiva e non intrusiva: i problemi segnalati rendono però vulnerabili a intrusioni, quelle si potenzialmente dannose.

    Dato che gli avvocati sono notoriamente abbastanza parsimoniosi, e immagino non voglia spendere le segnalo due prodotti gratuiti per uso personale e privato, che può installare per rendere il sistema un po’ più sicuro: Kerio Personal Firewall un ottimo muro tagliafuoco, e AV Personal antivirus di buon livello e aggiornatissimo, anch’esso gratuito per uso domestico.

    Buona navigazione, e stia più attento in futuro.

  60. utente anonimo dicono:

    Tutto ciò, intendo post e commenti (a parte la piccola diatriba fra Marco e Gilgamesh), la dice lunga sulla usabilità dei prodotti che ci circondano.

    E mai possibile che ogni nuova diavoleria debba essere accompagnata da voluminosi tomi di istruzioni perlopiù anch’esse incomprensibili?

    Saluti,

    Lorenzo (in preda ad una crisi “luddista”)

  61. Anonimo dicono:

    Sei troppo forte! Complimenti anche per il Blog!

    Baci Vale 78

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *