Il Papa e il giubbotto antiproiettili

Buonasera amici, sono sempre io, il vostro Papa. Sì, Wojtyla. Oramai e noto che ò la password di questo blog e cosi trovo il tempo per scrivere due righe sul faterelo di ogi. Non sapete? Ora vi spiego.

Duncue. Stamatina non era nemeno l’alba cuando mi e piombato in camera da leto Navaro, quel siniore spaniolo che non ò ancora capito se è il mio magiordomo, il carceriere o il capo del’uficio stampa come lui sostiene di esere. Insoma, fato sta che questo e sempre tra i piedi.
Stavo dicendo? A si, mi entra in camera da leto Navaro, io ero ancora in pigiama con la cufia in testa e i tapi di cera nele orechie, percui non sentivo nula ma vedevo che strilava e mi sono tolto i tapi e li ò deto:
“Joaquim, si puo sapere cosa vuoi?”
“Avanti, Karol, sveliati che è tardi, sono gia le cuatro e meza, devi vestirti per oficiare la prima mesa dela giornata.”
“Ufa, Joaquì, che barba.”
“Smetila di lamentarti, vai en bano e poi vestiti. E recordati che devi indosare il giubino.”
“Ma quale giubino, Joaquì, mica fa fredo, siamo in primavera.”
“Il giubino, Karol, quelo di sicureza. il giubino antiproietili, che dopo la mesa andiamo a fari un giro in auto su piaza san pietro, e di questi tempi non si sa mai”.

Cuesta frase mi à fato arabiare e alora li ho risposto per le rime: “Ma basta, Joaquim, metitelo tu il tuo giubino, a me è scomodo e va pure streto. E adeso esci per còrtesia, che io sono il papa mica tuo fratelo.”

Cosi, amici, l’ò mandato a quel paese e per il giro in piaza sono uscito con la decapotabile, senza giubino.

Ora vi saluto, e ci risentiamo presto per farvi gli auguri di pascua a tuti, che la pascua per me e periodo di lavoro duro, devo pure lavare i piedi ai cardinali. Che schifo.

Vabbe’, ciao ciao dal

Papa.

 

55 Comments
  1. jorma

    La usi anche per asciugarti i capelli?

  2. utente anonimo

    sei un genio, rido da sola in ufficio…

  3. utente anonimo

    fai come me…obbietta!Disobbedisci! Fai un bel sit-in di protesta davanti a feltrinelli a largo Argentina affianco a quelli che chiedono soldi per i randagi…

  4. lasgrigua

    grande il Papa dissidente!(faccio la seria solo un attimo:oggi a vederlo sorridere nonostante i viscidi che ha intorno mi sono commossa..sarà la primavera!)

  5. SpezzaIncantesimi

    ma lasci in pace il papa, che è una brava persona… piuttosto mi dica della signora Sotis, perché non la ontata e le offre la sua collaborazine per un blog bon ton?

  6. utente anonimo

    spezza: lina sotis (a ridaje) non so come contattarla. lei ha l’email?

  7. SpezzaIncantesimi

    si ingegni… scriva al corriere della sera, la inviti ad un blograduno… secondo me ci verrebbe…

  8. sphera

    Il tuo Papa mi fa una tenerezza…Vien voglia di correre a liberarlo, poverino. 🙂

  9. SpezzaIncantesimi

    Davvero. Anche se mi piace quando fa vedere chi è (sarà che Joaquim mi è antipatico)

  10. badgi

    non le piacerebbe averla accanto a sé, informarsi da lei sui colorì più in voga per un blog, sul concetto di understatement? Sui caratteri più giusti da usare… scommett che andrebbe d’accordo col Direttore Marketing

  11. spad

    propongo una cosa: in barba ai giubbini antiproiettile e alle paure di attentati… domenica 11 aprile tutti in piazza san pietro a salutare il papa… magari riusciamo a farlo fuggire!

  12. SpezzaIncantesimi

    il giubbotto antiproiettili?.. boh.. riescono a far crollare le twin towers, riescono a far esplodere 200 persone, riescono a tener testa agli americani.. e non riuscirebbero a mirare alla testa?.. (ok, oggi sono cinico..)

  13. xsonalitaconfusa

    oh, sì dai! Papa Confuso I. Così finalmente potrai licenziare Navarro Valls: chissà nella vita vera che mestiere fa?!

  14. SpezzaIncantesimi

    ma signor confuso, ma di che voto di castità parla mai? Il voto di castità lo fanno i frati e i monaci, che decidono per una vita comunitaria, lontana, almeno parzialmente, dai peccati del mondo.
    I preti non fanno assolutamente nessun voto di castità… prendono un impegno “deo juvante” = con l’aiuto di Dio, proprio perché stando in mezzo al mondo può capitare di errare, e il cattolicesimo, in genere, è comprensivo con le pecorelle smarrite… (io vi mando come pecore in mezzo ai lupi, etc et etc… o preferiva credere nella grazia impartita alal nascita contro la quale nulla si può?)
    Ma io non so, ma che fate le scuole confessionali a fare, se poi manco sapete che pensa o fa la gente con cui dividete la giornata?????
    Boh!

  15. personalitaconfusa

    beh, se io stessi tutto il giorno con della gente che mi minaccia di bruciare tra fiamme inestinguibili, per l’eternità, io vorrei almeno sapere cosa esattamente gli da fastidio…

  16. adeletta

    SIGNOR CONFUSO: mi permetto di ricordarle che navarro, prima di accudire l’ex sciatore, faceva il ventriloquo con lo pseudonimo di luis moreno… 🙂

  17. personalitaconfusa

    Buonasera, Sua Eminenza, vorrei invitarLA a Viareggio il 6 aprile in occasione di DONNAèWEB…chiedo troppo? :-))

  18. badgi

    troppo, troppo carino leggere il tuo blog prima del weekend. Buon fine settimana MAD

  19. utente anonimo

    Hej X§! Visto che ti sei intimo, non puoi chiedere al papa gli eurivaticani? A quando gli euriconfusi?
    Dai che sarebbe una figata! Tutti in colonna dalla notte prima in piazza del Duomo!!!
    Attendo notizie nuove di zecca!

  20. utente anonimo

    Il fatto è che mi accorgo con sgomento che ormai per me il Papa è questo: devo fare un violento sforzo mentale per ricordarmi, ogni volta, che non è davvero lui (e non riesco comunque a esserne del tutto sicura).

  21. nonsologeomangio

    Ho letto il tuo “Brava Gente”. Sono un belga e imparo l’ italiano (sono fiammingo e parlo il neerlandese). In realtà non sono anonimo, ma scrivo dal computer di mio figlio. Ho voluto tenere corrispondenza con i miei nipoti italiani, purtroppo a loro non piace scrivere, lo penso. Mio cognato dice, come un oracolo, l’ italiano E’ difficile. In ogni caso a te non dispiace scrivere! Evidentemente la letteratura, il scrivere è la tua seconda natura. Quando sto frugando nei tuoi blog sono in estasi! Trovo testi freschi, fantasia, la vita quotidiana e tutti quanti…
    E scritto in una lingua vivacissima. In bocca al lupo (io). Spero leggerti per tempi lunghi lunghi. Grazie!

  22. kiarablog

    Ah il testo sul Papa. Comprendo bene che parla così.

    Penso pure che nel mondo blog si può dare del tu, come ho fatto io, se no ha che dirmelo.

    Pensa che sarebbe meglio avere un altro nome? Avevo aperto il dizionario, bammmmm, >>>, nome. So che significa, ma un nome deve essere seducente, no?

  23. Pattinando

    lo sai che hanno rapito il tuo cartellino del blograduno???? credo sia stato chiesto un riscatto…:-DDDD ci hai paccato, ma vedo ora che hai linkato il Pueblo.. alla prochaine??? Kiara

  24. gilgamesh

    grazie a tut(t)i, troppo indulgenti.
    sciroppato, non mi chiamo marco (marco? perchè mai marco?) però sì, qui ci si dà del tu 🙂
    kiara, la ‘prochaine’ sarà a milano, e sarà colossale… presto notizie su qvesto blog.

  25. sphera

    X§ ..la prochaine mi sa che sarà ancora prima..:-S mi sa che ci si riaggiorna tutte e due…attendo notizie da MilanoLand..qui Torinopassaechiude:-)))!!!

  26. utente anonimo

    La castità, nel Rinascimento, i preti se la tramandavano di padre in figlio.

  27. freinkie

    Così come, nei bei tempi andati, la verginità veniva trasmessa di madre in figlia.

  28. utente anonimo

    No, Sciroppato, non si chiama Marco, bensì Gennaro (che fa tanto Old Economy da quando la New Economy si è sgonfiata, e Confuso sta sempre al passo coi tempi; lui è avanti, è “oltre”…). 🙂

  29. personalitaconfusa

    AAA
    Vendo papamobile usata, come nuova, datata 1982.
    Ottime condizioni, soltanto un paio di forellini sui fianchi. 4000 euro trattabili. Ore pasti

  30. sphera

    Cosa ne pensi santo padre della beatificazione di silvio da arcore?

  31. sphera

    No, ma sta emendando la legge sulle beatificazioni. Più aureole per tutti.

  32. Anonimo

    Basta aspettare, signor Confuso, basta aspettare.

  33. Anonimo

    fossi in te aprirei un papablog. sennò quasi quasi imparo il romanesco, o il polacco che magari mi è più facile, e lo apro io. già che sono in me.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *