Il Papa nel confessionale

Amici scusate sono ancora io, Karol, ma sì dai, il Papa. Devo ringrasiare questo cortese blogher che per la seconda volta mi ospita qui, nel’atesa che anche io apra il mio, di blog. Mi e simpatico, ‘sto ragazo.

Anche ogi aprofito di questa picolo spasio per racontare quele cose che non poso dire dal balcone di piassa san pietro, e stavolta vorei parlare di Andreoti. Ebene, amici, io una volta ad Andreoti li ho dato la confesione. Siamo andati nel confesionale, lho fato inginochiare e li ho detto “Avanti, dimi i tuoi pecati”. E lui a capo chino ha inisiato ad ametere una sequela di perversioni e di malvagita’ che quasi mi sentivo male. Non poso riferirvi quali perche Navaro dice che è proibito. Pero li ho chiesto: “Giulio, per curiosita, ma cola storia del Pecoreli tu centri qualcosa o no? A me puoi dirlo: siamo in confesione, saro muto come pescie.” E lui mi ha risposto che “No, non io, pero, santita, a pensar male si fa pecato ma ce si azeca, e il potere logora chi non cela”. E alora io mi sono secato e li ho risposto “Senti, gobbeto, non prendermi in giro coi tuoi giochi di parole che io sono il Papa mica uno dei tuoi tirapiedi”.

Un altro che o incontrato e Bob Dylan, che e venuto a cantare per me in Vaticano, ani fa. Il siniore spagnolo Navaro voleva a tuti costi rifilarmi ancora una volta Nek, la Pausini e i Pooh ma io li ho deto Navaro basta con sti cialtroni, io volio un musicista che piaccia pure a me, e se non è catolico pasiensa, per cui mi portate o Dylan o i red hot chili pepers. E alora Navaro ha scelto Dylan. E’ stato un belo concerto, non so se vi ricordate, pero per me Dylan era melio 30 ani fa: ora canta solo col naso, a boca chiusa, e io infati mi sono adormentato alla seconda cansone.

Poi, qualche mese fa ho confessato pure il presidente del consilio berlusconi. Li ho chiesto “Ma ci vai in chiesa, ti confesi?” e lui mi ha deto “Sì, santita, tuti i giorni, son praticante”, pero io ho visto che non sa farsi nemmeno il senio dela croce, e cuando ala fine doveva recitare l’ato di dolore li ho dovuto pasare un folietino col testo da legere, che lui non se lo ricordava. Che poi ho scoperto che e’ pure divorsiato, quindi in chiesa non dovrebe nemmeno entrarci, se lo scopre Navaro mi sgrida.

Amici, è sempre belo confidarsi con voi, ora devo lasciarvi che ho la riunione con Navaro per la logistica delle guardie svissere, non vi dico che noia, meno male che oni tanto mi diverto con voi. E scusate l’ortografia ma come o gia’ deto io penso ancora in polaco mica in italiano, per cui non fate tropo i dificili.

Ciao a tuti,

Il Papa.

Questa voce è stata pubblicata in sul papa. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

36 Responses to Il Papa nel confessionale

  1. edipeo dicono:

    suvvia Santità, non si schermisca, che parla meglio di Massimo Giletti

  2. utente anonimo dicono:

    Santità, sentir parlare lei che è nato e cresciuto in Polonia è un miracolo. Lo stesso non si può dire di…uhm…uno a caso nel mazzo… Grishtiano Malgiojo (come anche un buon 50 % dei fetusi televisivi)

  3. utente anonimo dicono:

    personalità, I love you

  4. Apathos dicono:

    Congratulazioni santità,nonstante il parkinson riesce a digitare con precisione certosina.
    Vedo che i bibitoni che prende prima di pronunciare discorsi le permettono anche di digitare in maniera sublime.
    Con devozione Vostro,Apathos

  5. Lani dicono:

    anche per noi è un piacere, santità..

  6. jorma dicono:

    e’ ora di finiral con questi stranieri che vengono in casa nostra a rubarci il lavoro!

  7. jorma dicono:

    ti ho fregato la PapaMobile!

  8. emmeline dicono:

    scusa, passavo di qui e non ho potuto resistere: http://www.popecountdown.com/
    P.S. è ora di cambiare l’orario al template confuso o è il papa che posta dal futuro?

  9. Effe dicono:

    Siniorina emeline, la perdono solo perche non sono superstisioso. Temo invece che questa sua le costera scomunica imediata e qualche milenio al purgatorio.

  10. Osservatorio dicono:

    Che poi non è vero che il premier non conosca l’atto di dolore. E’ solo che è abituato a recitarlo a chiese unificate.

    (e inoltre, per il nome del blog papale, dato il taglio gossip proporrei Papaspia)

  11. mu dicono:

    Meglio Papa che Pappa!

  12. occhivispi dicono:

    paolèèè, ‘nce vòle mica molto a parlà mejo de giletti…

  13. Effe dicono:

    Bravo Papa, manco le maiuscole si merita il mascalzone !

  14. jorma dicono:

    E una bella nomination ai Gnu Awards, categoria Miglior Papa non protagonista, non ce la vogliamo mettere?

  15. roses dicono:

    la mamma mi ha comprato la macchinina!


    PAPPAPPERO!

  16. utente anonimo dicono:

    forse la mia professoressa di matematica è tua sorella. vi somigliate molto nel parlare…

  17. giusec dicono:

    Rispetto al primo post papale (ppp) direi che GPII è stato in vacanza dalle parti di Belluno, dove i locali lo hanno omaggiato di scorte di grappa. L’accento del secondo post papale (IIpp) è ora chiaramente delle valli alpine, non più extracomunitario (quando nessuno immaginava la Polonia nella UE).

  18. janex dicono:

    GP2, adesso pls dicci tutto quello che il berlusconi ti ha confessato. Vogliamo saperlo.
    giusec

  19. utente anonimo dicono:

    mia nonna diceva sempre che andreotti era figlio di un papa e di una monaca…

  20. utente anonimo dicono:

    ehhhh, sono ani dificili :OOOO

  21. utente anonimo dicono:

    dopo questo post ti meriteresti la nomination, ma il link non funziona… peccato!

    frank

  22. kissmeonmyneck dicono:

    > per cui mi portate o Dylan o i red hot chili pepers.
    > E alora Navaro ha scelto Dylan

    Ma Navaro inteso come Dave aveva scelto i RHCP, a suo tempo.

  23. GEMMAAMMEG dicono:

    Grasie. Chi sei, filiolo? Sei forze Ciampi?

  24. sifossifoco dicono:

    Adoro questo tuo parlare.. Papale Papale! :-)))))

  25. roses dicono:

    ciao a tutti?? e nemmeno una benedizione piccola? che di sti tempi…

  26. benzo dicono:

    PASIENSA…:))))

  27. utente anonimo dicono:

    certo questo papa un si smentisce… gli è proprio un polacco!

  28. roses dicono:

    Caro Papa, quand’ero piccola mio padre andò con mio fratello a vederti perchè passavi in un ospedale qui vicino. Mio fratello tornò tutto fiero e con andatura trionfante portando in mano una bandierina e mia madre contentissima mi disse che l’avevi toccata tu (lei bestemmia sempre pero’, un po’ come me, io di più, scusa). Io sconvolta la toccai, la alzai in cielo e dissi:
    “Ora l’ho toccata anche io, prendete e baciatene tutti”.
    E forse per questo che la jella mi perseguita da sempre? Per questo cinismo usato male?
    In attesa di una tua risposta, baci Fara.
    P.s.: ma sei tu che a natale ti vesti di rosso e ti metti quella lunga barba bianca?)

  29. AeR dicono:

    Fara, il Papa mi ha detto di riferirti che lui con quelli che lo prendono in giro come fai tu (“babo natale ci sara tuo nono” diceva) lui non ci parla. Anzi, rivuole subito indietro la sua bandierina.

  30. Lani dicono:

    tienitela pure, tanto era di una plastica scadentissima. tz.

  31. A me questa cosa del Papa non mi fa sorridere. Anzi confesso che mi irrita. E qui tutti gli yesmen a scrivere che ridere che ridere.

  32. Anonimo dicono:

    e allora lo devi scrivere così da rovinare quest’atmosfera e guastare il morale a tutti?

  33. Anonimo dicono:

    a me sto’ papa mi fa’ sbellicare dalle risate!!!ahaha quella su bob Dylan e’ eccezionale!

  34. Anonimo dicono:

    Metà dei miei antenati (quelli veneti) mi dicevano “schersa coi fanti ma non sckersar coi santi”; l’altra metà, i preti, se li faceva con il lambrusco. Io? Mi dichiaro prigioniero politico del sorbara. Il post sul Santo Pontefice ha, comunque, un certo garbo. Dopo due bicchieri si può anche mandare giù. Ragazzi, non ci dimentichiamo che questo Pontefice è stato il primo Papa a chiedere scusa al mondo per il male che la Chiesa di Cristo ha fatto all’Umanità. Non lo dimentichiamo! Il mio nome? “Bepi Rompibale” detto alzozero (io mi firmo!). E lasciate perdere l’ironia sul mio nome!

Rispondi a Effe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *