Mi hanno prestato un cane

Dunque una mia amica va in vacanza e mi chiede di tenerle il cane. Il cane è un bracco di piccola taglia, femmina, razza beagle (pare sia la preferita dai vivisezionatori) e si chiama Tea. E’ scatenata. Quando io sono a tavola il cane Tea si arrampica sul tavolo e mi mangia gli spaghetti dal piatto. Torno a casa con la spesa e il cane Tea subito si alza sulle zampe posteriori, infila la testa nei sacchetti e addenta il salamino da 2 euro che ho comprato per me.

Di notte porto il cane Tea fuori per pisciare, perché ieri me la ha già fatta due volte in salotto. E subito il cane Tea si mette a fraternizzare con un suo simile. Curioso il modo di darsi la buonasera tra cani: invece di stringersi la mano, si annusano reciprocamente il sedere.

Mentre i due animali fanno conoscenza, mi si avvicina la più grave seccatura che i-portatori-a-passeggio-di-cani possano incontrare: un altro portatore-a-passeggio-di-cani che vuole a sua volta fraternizzare. E meno male che non vuole annusarmi il sedere. Costui è un signore sui 60 anni, elegante e loquace. Ha tanta voglia di parlare, e io no. Mi chiede come si chiama la bestiola, quanti anni ha, se morde, se è sterilizzata, se abbaia di notte. Io taglio corto: “Guardi che questo cane non è mio, me lo hanno prestato”. Lui prosegue imperterrito con le sue lezioni di cinofilia. E’ in quel momento che il cane Tea si alza in piedi come un bipede, con le zampe anteriori cinge la gamba del signore e prende a muovere il bacino come se volesse sodomizzare il polpaccio. Dicono che sia il comportamento in uso tra i bracchetti per mettere in soggezione gli umani, per comunicargli il proprio disprezzo. Il tizio si divincola ma il cane Tea non vuole staccarsi. Quasi un quarto d’ora per separare cane e signore berciante che lancia in aria biscotti per allontanarlo.

Questa voce è stata pubblicata in autobiografia. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

15 Responses to Mi hanno prestato un cane

  1. Achille dicono:

    a volte sarebbe preferibile annusarsi il sedere a vicenda piuttosto che salutare certe persone…a volte no…posso permettermi un giudizio?
    se si: l’unica cosa che non mi piace del post è la frase “io scrivo per curare la mia anima malata”…senza offesa

  2. alessiaonline dicono:

    è femmina, giuro, ho guardato:)

  3. janex dicono:

    sei seria quando dici che parli della tua vita ? Davvero… è interessante?

  4. utente anonimo dicono:

    Per quanto tempo avrai Tea? semmai ti porto il mio Ercole così fraternizzano!!!
    Harry

  5. utente anonimo dicono:

    EHHH ma esce solo di notte sta pora bestiola??? Ti credo che piscia per casa ;)

  6. alessiaonline dicono:

    ah, ecco perchè…

  7. gianfra dicono:

    ma alla fine quanti anni ha questo cane??

    sono entrato e il counter faceva 43.000, ho vinto qualche cosa??
    Tyler Gianfra

  8. utente anonimo dicono:

    e cercare un dog sitter?
    Harry Palmer

  9. Profeta dicono:

    Mi sembra strano che sia femmina.. forse è solo un cane minidotato.. :P

  10. alessiaonline dicono:

    io adesso lo regalo a qualcuno, altro che dog sitter

  11. utente anonimo dicono:

    Salve Alessiaonline, io invece sono qui per dirti una cosa originale: BUONA PASQUA! E comunque m’è toccato lavorare pure oggi col Blog: è in corso una “campagna acquisti” per una giornalara aspirante giornalista riconvertasi in soubrette… (ancora non mi ero ripresa dalle fatiche dell’asta dei nostri blog, della vendita delle mutande della Lucarelli e del Concorso “Il più figo del bigonzo”… basta, ho bisogno di ferie).

  12. Ageless dicono:

    Ma scusa alessia, se é una femmina avrà sentito il fascino dell’uomo maturo. Hai detto tu che era elegante, magari brizzolato… ;)P

  13. kikkio dicono:

    Anche un mio amico ha un cane che si chiama Tea.
    Lipton Ice di cognome.

  14. Pattinando dicono:

    Ciao Alessia, Buona Pasqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *