Gentilissimo

Ho deciso, faccio un voto, o una promessa. Per una settimana sarò gentilissimo con il resto del mondo. Anche se lui non se lo merita.

Si tratta dunque di un esperimento: mi obbligherò a rispettare tutte le norme comportamentali della buona educazione. Ogni mattina saluterò sorridendo tutte le persone che conosco, anche quelle accigliate o dall’apparenza ostile. Se otterrò un qualche genere di risposta che non sia un grugnito, gli domanderò persino come stanno.

Ma resterò sempre attento a non sembrare invadente – o scemo, giacché basta un momento di disattenzione per sorpassare il sottile confine che distingue il premuroso dal ficcanaso, dal cretino o dal saccente, o dal cialtrone.

Sarò galante con le signore, cortese con gli anziani: a costoro cederò il passo per strada e aprirò porte e portiere di automobili, magari accompagnando la posa a un piccolo inchino di rispetto.

Eviterò di parlare ad alta voce nelle pubbliche vie, negli scompartimenti dei treni, negli uffici aperti, sul tram ma soprattutto ovunque vi sia presenza di persone a cui ciò potrebbe, giustamente, recar disturbo.

Sarò impeccabile con gli ospiti, e mai – giuro: mai – interromperò chi sta conversando con me per rispondere al telefono. Si dirà: ah ma quindi prima facevi queste cose? No, ma continuerò a non farle.

A tavola, terrò il tovagliolo sulle gambe, e non mi servirò dal cestino del pane prima dell’arrivo delle pietanze. Mi asterrò dall’augurare “buon appetito” (contrariamente a quanto si crede, è un segno di cafoneria rara) ma attenderò che le donne commensali siedano e scelgano il loro posto, prima di farlo io, e verserò loro l’acqua nel bicchiere.

Mi mostrerò sempre pulito, puntuale, disponibile, ma sempre con discrezione.

Rinunzierò ad essere aggressivo – cosa di cui peraltro non son mai stato capace, e perciò questo sacrificio sarà ancor meno faticoso.

Se sopravvivrò, verrò a raccontarlo su queste pagine. Altrimenti, sarò il primo martire della maleducazione, e va bene lo stesso.

Questa voce è stata pubblicata in autobiografia. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

7 Responses to Gentilissimo

  1. maestra dicono:

    Spero di incontrarla!

  2. r. dicono:

    Passami il sale, su.
    VELOCE!

  3. Rots dicono:

    Veda ‘n po’. Però l’acqua, le signore, è l’unica cosa che possono versarsi da sole.

  4. Firmato Ckf dicono:

    com’è andato l’esperimento?

  5. Sandra dicono:

    Pensa io che lo sono sempre… Prima o poi squartero’ qualcuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *