ALLO STABILIMENTO BALNEARE

Sarà che sto invecchiando, ma dopo molti anni questa estate ho messo piede in uno stabilimento balneare. O meglio: ho provato a farlo. Sul piano economico è stata un’esperienza istruttiva. All’ingresso sono stato ricevuto da un cassiere che mi ha intimato l’alt come si usa ai posti di blocco: voleva dei soldi (strano, no?) ancor prima che aprissi bocca per spiegargli come mai osassi entrare nel suo territorio privato.

Costui ha quindi provveduto con voce meccanica ad elencarci il tariffario, una mitragliata di prezzi quasi volesse spaventare e farmi scappare, e in effetti c’era quasi riuscito. A nulla è valso il mio tentativo di oltrepassare il confine per prendere soltanto una bottiglia d’acqua al bar e uscirne subito: l’introdursi nello stabilimento anche di pochi metri, comportava automaticamente la stipula del noleggio a vita di 1 ombrellone, 2 sdraio, una cabina, 1 lettino e non si preoccupi della caparra che all’occorrenza di fianco al seggiolone del bagnino c’abbiamo un bancomat e il notaio per la firma del mutuo.

A fatica riuscivo a sottrarmi alle mani del cassiere, il quale mentre con ampi gesti della destra mostrava la bellezza dello stabilimento rispetto alla spiaggia libera a fianco, zozza e stracolma di selvaggi come me, con la sinistra furtivamente (è proprio il caso di dirlo) si insinuava quatto quatto verso la tasca del mio portafogli.

Preso dalla maieutica, l’ho sottoposto a un ultimo ragionamento: ma scusi, signor mio, se io andassi a comprarmi un asciugamani e un paravento al negozio di cianfrusaglie estive qua di fronte e li piazzassi in riva al mare, allora spenderei un decimo e lei nulla avrebbe a pretendere: come la mettiamo? È vero, ha ammesso lui con candore, ma appena ti alzerai per una nuotata al largo arrivo io come un falco, ti sego il manico dell’ombrellone e i tuoi straccetti me li porto via.

La discussione, in evidenza, non portava a nulla. Ci siamo lasciati così, sorridenti, con un addio, e la promessa che avrei trascorso le ferie in campagna.

Questa voce è stata pubblicata in cose. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

14 Responses to

  1. MYLO76 dicono:

    che bello sono il primo a commentare ! …. questa prassi aimè è in uso ormai da lungo tempo e bisognerebbe anche dedicare qualche riga a quei poveri galantuomini che si accollano l'onere non indifferente di affittare ombrelloni e altro per lunghi periodi .. forse pensano di risparmiare o di sgravare se stessi e i propri familiari da ulteriori pensieri .. il risultato è un automatico declassamento da parte delle maggiori agenzie di rating della vostra affidabilità finanziaria neanche aveste acquistato titoli derivati al super mercato o aveste scommesso sulla variazione della temperatura del ghiaccio dell'antartide nei prossimi 25 anni … una mazzata spaventosa, una rata del mutuo di un appartamento prospicente piazza di spagna a Roma (non del colosseo .. costa meno e trovi sempre che te la paga ..) …

    allora? vacanze in montagna ? non credo sia davvero molto meglio da questo punto di visrta

  2. Ohibò, mi son commosso: è da almeno 2 anni che nessuno qui scriveva "questa cosa del che bello sono il primo a commentare".  :-)

  3. MYLO76 dicono:

    grazie confuso !! comunque qualcosa sul commento??

  4. Boh, io di solito mi faccio ospitare dai parenti.

  5. MYLO76 dicono:

    beh chi puo dire se fai bene …

  6. PICCHU dicono:

    Qua ormai è tutto Carfagna amico mio

  7. utente anonimo dicono:

    che bello sono la settima a commentare.

    Lofoten

  8. MYLO76 dicono:

    beh lofoten faccelo sentire questo tuo settimo commento

  9. utente anonimo dicono:

    Son due giorni che urlo. Non mi avete sentito?

    Lofoten

  10. MYLO76 dicono:

    no lofoten .. da queste parti non ti abbiamo sentito urlare …

  11. utente anonimo dicono:

    tu mi seghi l'ombrell0one e io ti spacco il culo. Gli ombrelloni da noi non si possono lasciare di notte per "occupare" uno spazio che è di tutti. Io ogni giorno, vado un pò presto, piazzo ombrellone e sdraio vicino al mare ( 2 metri circa ) e mi spaparanzo al sole rinfrescato dalla brezza marina. E verso mezzogiorno, quando se ne vanno a mangiare i ricchi, occupo anche la meghapalma della spiaggia a pagamento lì vicino… questo perchè i prezzi sono esageratamente alti… un pò di gente è incominciata ad arrivare dopo il 20 di luglio… annata magra per questi "vampiri" a meno che non sei dalle parti di Rimini o Riccione, lì pare che gli ombrelloni li affittino anche nei mesi invernali!

  12. utente anonimo dicono:

    bisogna essere almeno in due: uno fa il bagno , l'altro la guardia!

  13. zauberei dicono:

    Cazzo il darwinismo sociale marittimo del commento 11 mi ha messo una tale ansia che quasi quasi un seggiolino io lo pigghio all'omino.
    Tuttavia il pensiero che lo stabilimento balneare è luogo altresì satollo di mamme del parco, con nonne del parco, galvanizzate dai marosi, mi fa desistere e scappare subito sui ghiacciai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *